Botter Spa: "Ghost Wine, noi vittime di un fornitore salentino"

Comunicato dell'azienda veneta inclusa tra le 12 società al centro delle indagini sul giro di vino sofisticato

Lo stabilimento della Megale Hellas

Botter Spa di Fossalta di Piave (Venezia), azienda inclusa tra le 12 coinvolte nell'indagine "Ghost Wine" del Noe dei carabinieri e della Procura della Repubblica di Lecce su un vasto giro di adulterazione di vino e mosti, con al centro lo stabilimento della società Megale Hellas di San Pietro Vernotico (Brindisi), attività investigativa sfociata in undici arresti l'11 luglio 2019, ha diramato un comunicato che pubblichiamo di seguito integralmente. Nei giorni scorsi la procura salentina ha emanato avvisi di conclusione indagini nei confronti delle 12 persone giuridiche e di 49 persone fisiche, alcune delle quali indagate di associazione per delinquere.

L'indagine Ghost Wine

"Con riferimento alle notizie relative al proprio coinvolgimento nell’inchiesta della Procura di Lecce sulla presunta alterazione di prodotti vinicoli pugliesi, Botter si dichiara completamente estranea alla vicenda e, se mai, vittima degli illeciti che s’ipotizzano commessi da parte di un fornitore salentino. Botter ha sempre svolto accurate analisi e verifiche sugli standard qualitativi del vino commercializzato con le proprie etichette, risultati sempre conformi al livello di eccellenza richiesto", si legge nella nota dell'azienda veneta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ad ulteriore e definitiva tutela Botter ha sospeso cautelativamente ogni approvvigionamento dall’azienda vinicola attinta dall’indagine ed ha avviato una scrupolosa serie di ulteriori verifiche e controlli supplementari sul prodotto avviato all’imbottigliamento, al fine di garantire la tradizionale qualità dei vini commercializzati con le proprie etichette. Ciò con il fiducioso auspicio che l’attenta disamina degli atti e la puntuale verifica dei fatti indurranno la magistratura ad archiviare quanto prima la posizione di Botter, riconoscendo la buona fede e la correttezza del suo operato, nonché la qualità dei vini commercializzati da sempre", conclude il comunicato.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento