Cronaca

Cani inferociti davanti ad auto: giovane bloccato dentro liberato dai poliziotti

Due grossi cani, un pitbull e un meticcio, che si azzannavano accanto alla sua auto, in una strada periferica della città, deserta, considerato anche che era l'una di notte. La madre dall'interno della casa che cercava di allontanarli per permettere al figlio uscire dalla vettura. Ma ogni tentativo di far andare via quegli animali inferociti è risultato vano

BRINDISI – Due grossi cani, un pitbull e un meticcio, che si azzannavano accanto alla sua auto, in una strada periferica della città, deserta, considerato, anche, che era l’una di notte. La madre dall’interno della casa che cercava di allontanarli per permettere al figlio uscire dalla vettura. Ma ogni tentativo di far andare via quegli animali inferociti è risultato vano. Solo l’intervento di un equipaggio delle Volanti ha sbloccato la pericolosa situazione ed evitato il peggio. È accaduto la notte scorsa sulla strada per Lobia a Brindisi. Protagonista di questa disavventura un giovane residente.

Quando il ragazzo è giunto davanti casa ha trovato due grossi cani che si azzannavano e abbaiavano l’uno contro l’altro inferociti. Si trattava, come già detto, di un pittbull e di un cane randagio e non avevano alcuna intenzione di allontanarsi da quel posto, nè di smettere di abbaiare. Dopo una lunga attesa la madre del giovane ha deciso di chiedere aiuto alla polizia. Sul posto si è recata una pattuglia della Sezione volanti della questura di Brindisi che ha contattato il servizio veterinario dell’Asl richiedendo l’intervento sul posto di personale adatto alla cattura di animali, nel frattempo i poliziotti hanno sorvegliato la zona pronti a intervenire in caso le due bestie si fossero scagliate contro l’auto dove c’era il ragazzo. Il pitbull è risultato provvisto di microchip e sono stati avviati gli accertamenti per risalire al proprietario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cani inferociti davanti ad auto: giovane bloccato dentro liberato dai poliziotti

BrindisiReport è in caricamento