Irrigava sette ettari di carciofeto con energia elettrica rubata

Carabinieri e tecnici Enel scoprono un by-pass illegale. L'agricoltore 38enne è stato denunciato

BRINDISI – Una pompa da pozzo artesiano non ha certo un consumo low-cost di energia elettrica, e per gestire il fabbisogno di acqua di sette ettari di carciofeto ci si deve aspettare una bolletta pesante. A un agricoltore brindisino invece l’acqua costava praticamente zero, perché aveva allacciato il motore della pompa ad un by-pass che aggirava il contatore Enel. La cosa non è passata inosservata ai controlli della società elettrica, che ha inviato sul posto una squadra di verifica scortata dai carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Brindisi. Il by-pass è stato scoperto subito, e il 38enne agricoltore è stato denunciato a piede libero per furto aggravato di energia elettrica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Uomo trovato morto in casa dell'anziano che assisteva: disposta autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento