menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aneurisma dell'aorta addominale, eseguito al Perrino delicato intervento

Presso l'Unità Operativa di Chirurgia Vascolare dell'Ospedale Perrino di Brindisi, è stato eseguito con successo un delicato intervento chirurgico in elezione di esclusione endovascolare di aneurisma dell'aorta addominale ed iliaco in un paziente sintomatico

BRINDISI - Nei primi giorni di febbraio, presso l’Unità Operativa di Chirurgia Vascolare dell’Ospedale Perrino di Brindisi, è stato eseguito con successo un delicato intervento chirurgico in elezione di esclusione endovascolare di aneurisma dell'aorta addominale ed iliaco in un paziente sintomatico.

E’ il secondo intervento di questa tipologia, attualmente realizzato in poche decine di casi all'anno, presso un limitato numero di altri Centri regionali e italiani di alta specializzazione. La peculiarità dell’operazione è consistita nella salvaguardia di entrambe le arterie iliache interne (ipogastriche), utilizzando un'endoprotesi dedicata, dotata di doppia branca iliaca (branch), che permette l'esclusione della patologia aneurismatica ed al tempo stesso la salvaguardia dell'arteria "branchata". L’intervento è stato eseguito da un'equipe coordinata dal Dr. Mario Cifarelli e costituita dai Chirurghi Vascolari M. Ruggiero, T. Dabbicco, dagli Anestesisti P. Fedele e L. Fiore, dal Radiologo G. Lucente e dagli Infermieri R. Nigro, T. Andriani e P. De Biasi coordinati dalla Dott.ssa A.M. Vita, oltre che dai tecnici di radiologia R. Martina e D. Vitale.

Questa tipologia di approccio, che presuppone elevate capacità tecniche chirurgiche/endovascolari, prevede un'accurata pianificazione della procedura e dei materiali mediante una preventiva elaborazione al computer dell'angioTac del paziente. E' quella che si definisce procedura custom-made, cioè personalizzata sull'anatomia del paziente e le sue caratteristiche specifiche.

La Chirurgia Vascolare dell’Ospedale Perrino continua a dedicarsi ad interventi per il trattamento di aneurismi ad anatomia complessa impiegando materiali innovativi (la protesi utilizzata è stata immessa sul mercato solo da pochi mesi). Si ricorda anche come, presso la stessa Unità Operativa, già 10 anni fa circa è stata impiantata la prima endoprotesi fenestrata in Puglia, capace di trattare un aneurisma dell'aorta toraco-addominale, salvaguardando le arterie renali coinvolte dalla patologia.

                                  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento