Cronaca Via Fulvia

Città in mano agli incendiari: altre due auto distrutte dalle fiamme

Gli incendi auto in città, ma anche in provincia, ormai non si contano più. Avvengono con una cadenza quasi giornaliera e in alcuni casi nella stessa notte vanno a fuoco anche più auto. L’ultimo risale all’alba di oggi, domenica 10 gennaio, in via Fulvia a Brindisi dove un rogo ha danneggiato tanto da renderle inutilizzabili una Lancia Y e una Suzuki Swift. Indaga la polizia

BRINDISI – Gli incendi auto in città, ma anche in provincia, ormai non si contano più. Avvengono con una cadenza quasi giornaliera e in alcuni casi nella stessa notte vanno a fuoco anche più auto. L’ultimo risale all’alba di oggi, alle 2 di domenica 10 gennaio, in via Fulvia a Brindisi dove un rogo ha danneggiato, tanto da renderle, inutilizzabili una Lancia Y e una Suzuki Swift. Indaga la polizia, sono stati gli stessi agenti a richiedere l'intervento dei vigili del fuoco. 

Nessuno degli incendi verificatisi negli ultimi mesi ha un responsabile. Il danno resta solo alle vittime e all’ambiente. Al corto circuito credono in pochi specie perché i modelli più moderni di auto sono dotati di sistemi che bloccano sul nascere qualsiasi tipo di incendio dovuto a corto circuito. Questo almeno ha sempre spiegato chi le auto le ripara.

Considerato il numero di interventi notturni dei vigili del fuoco viene da pensare che a Brindisi e provincia gli incendiari hanno vita facile, possono muoversi liberamente e vendicare torti subiti o debiti di droga o minacciare e intimidire come meglio credono. Nessuno li trova e nessuno li punisce. Quando non vi sono evidenti tracce di dolo, come ad esempio i resti di una bottiglietta incendiaria, il caso si chiude come “causa accidentale”. Nessuno va a fondo. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città in mano agli incendiari: altre due auto distrutte dalle fiamme

BrindisiReport è in caricamento