menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colonia felina all'interno del cimitero: eseguito sopralluogo per la sterilizzazione

L'assessore alla salute Francesca Scatigno del Comune di Brindisi, unitamente a veterinari dell'Asl e agenti della Polizia municipale ha eseguito un sopralluogo all'interno del cimitero comunale teso a verificare le condizioni igienico sanitarie in cui vive la colonia felina presente nell'area

BRINDISI – L’assessore alla salute Francesca Scatigno del Comune di Brindisi, unitamente a veterinari dell’Asl e agenti della Polizia  municipale ha eseguito nella mattinata di oggi, lunedì 14 novembre, un sopralluogo all’interno del cimitero comunale teso a verificare le condizioni igienico sanitarie in cui vive la colonia felina presente nell’area cimiteriale e valutare la possibilità di sottoporla a sterilizzazione. Al sopralluogo ha partecipato anche la referente regionale del comitato “I Felini di Puglia” che da qualche tempo sta portando avanti un progetto di sterilizzazione dei gatti randagi in tutto il Brindisino. Al controllo era presente anche una delegazione dell’associazione Aidaa che da tempo si occupa della colonia felina presente all’interno del cimitero.

“La verifica disposta dal Comune, in accordo con l’Asl, ha evidenziato la presenza nel plesso cimiteriale di numerosi gatti non sterilizzati per i gatti cimitero3-2quali l’Asl territoriale dovrà provvedere come disposto dalla normativa vigente nazionale (L. 281/91) e regionale (L.R. 12/95) – precisa Mariag Grazia Distante – abbiamo già avviato in altre province pugliesi un progetto pilota denominato “I Felini di Puglia” concordato con la Regione al quale hanno sin qui aderito svariate associazioni animaliste pugliesi. Tale progetto consiste nel censire e segnalare le colonie feline esistenti sul territorio agli enti preposti (Comuni e Asl) mediante apposita modulistica che abbiamo già predisposto e messo a disposizione delle gattare del territorio e delle associazioni animaliste aderenti". 

"A riprova dell’utilità di tale progetto basta evidenziare che lo stesso nel giro di pochi mesi ha fatto si che venissero censite oltre 40 colonie nell’ambito provinciale brindisino tra cui una decina sul territorio del Comune capoluogo. A seguito di tale censimento e della conseguente segnalazione agli uffici veterinari dell’Asl, quest’ultima ha posto in essere le dovute sterilizzazioni. Preso atto della meritoria verifica disposta dall’amministrazione comunale presso il cimitero e della collaborazione istituzionale prontamente dimostrata dall’Asl, ci auspichiamo che il progetto pilota possa prendere sempre più piede sul territorio brindisino al fine di contenere la locale popolazione felina e di conseguenza assicurare le condizioni igienico sanitarie della medesima”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento