menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

B&b abusivo e gazebo non autorizzati nello stabilimento balneare: due denunce

Controlli della Polizia locale nella zona agricola lungo la strada per Mesagne e sulla litoranea a Nord della città

BRINDISI – “Bed and breakfast abusivo”: struttura mai autorizzata, realizzata e aperta alle porte di  Brindisi, lungo la strada statale per Mesagne. L’hanno scoperta gli agenti della Polizia locale che hanno denunciato il proprietario degli immobili contestando un “cambio di destinazione d’uso urbanisticamente rilevante”.

B&b abusivo

L’informativa di reato è stata trasmessa in Procura nei giorni scorsi, all’esito del sopralluogo che i poliziotti municipali hanno eseguito subito dopo Ferragosto, spingendosi nelle zone agricole che rientrano nel territorio del Comune di Brindisi. Stando a quanto hanno accertato gli agenti, ci sarebbe stato il “frazionamento di una unità immobiliare, in tre”.

“Catastalmente risultano di categoria civile abitazione, ma di fatto sono utilizzate per svolgere attività di B&B”, si legge nel rapporto trasmesso all’autorità giudiziaria. L’immobile originario, inoltre, è oggetto di sanatoria ai sensi dell’ultimo condono edilizio.

I lavori

“Tutti i lavori eseguiti hanno portato alla trasformazione delle abitazioni in strutture turistico ricettivo indipendenti e con ingresso esterno”, in una zona qualificata come “agricola”.

“Al momento del sopralluogo non veniva esibita alcuna documentazione comprovante sia la regolarità dei lavori, sia quella relativa alla disponibilità di acqua potabile”, si legge ancora nel rapporto. Non sarebbe stata neppure mostrata la documentazione relativa allo “smaltimento delle acque reflue domestiche”.

Lo stabilimento balneare

Sempre nel mese di agosto, gli agenti della Polizia locale hanno avviato una serie di verifiche anche lungo la litoranea a Nord di Brindisi, e hanno contestato alcune presunte irregolarità al concessionario di uno stabilimento balneare. “Una parte dell’area destinata a parcheggio, posta sul lato sinistro dell’ingresso, non veniva usata per quello scopo, perché occupata da quattro gazebo in legno delle dimensioni di 2,50 metri per 2,50 e da lettini e ombrelloni appoggiati al terreno su basi mobili in cemento, al servizio dell’utenza della spiaggia e del bar”, è stato contestato dagli agenti del nucleo antiabusivismo.

L’area “posta all’ingresso, di circa 40 metri quadrati, destinata a parcheggio, risulta recintata con paletti in legno e rete ombreggiante di colore bianco, all’interno della quale sono stati posizionati quattro ombrelloni sostenuti da pali in legno con sdraio e lettini”. Anche questo è stato contestato al concessionario nella notizia di reato datata 23 agosto scorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento