Immobile abusivo demolito 25 anni dopo la sentenza definitiva

Intervento in mattinata della Polizia locale in contrada Caputi: fabbricato edificato senza concessione edilizia

L'intervento della Polizia locale in contrada Caputi

BRINDISI – Venticinque anni prima di arrivare a demolire un fabbricato abusivo edificato in contrada Caputi. Un quarto di secolo per dare esecuzione alla sentenza del Tribunale di Brindisi, diventata definitiva nel mese di gennaio 1994.

La demolizione

Nella mattinata di oggi la ruspa ha abbattuto l’immobile edificato senza concessione edilizia. Così si chiamava allora l’attuale permesso a costruire. Le operazioni sono state eseguite su incarico della Procura di Brindisi, da una ditta specializzata alla presenza del ctu e degli agenti del nucleo antiabusivismo edilizio della Polizia locale, coordinati dal comandante Antonio Orefice.

demolizione immobile contrada caputi brindisi-2

La sentenza

Il fabbricato di 117 metri quadrati era stato oggetto di sequestro preventivo eseguito dagli stessi poliziotti municipali nel settembre 1991, in seguito alla conclusione dell’iter che portò alla contestazione dell’abusivismo. I sigilli con successiva ordinanza di demolizione vennero confermati dal Tribunale, sino ad arrivare alla pronuncia non più impugnabile e, quindi, definitiva, quattro anni dopo. Da allora quell’immobile è rimasto lì, in attesa di demolizione, sino ad oggi, quando è stata messa la parola fine con l'arrivo della ruspa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz dei carabinieri contro la Scu: 37 arresti per droga, armi ed estorsioni

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Operazione Synedrium: i pizzini, le armi e il ruolo delle donne

  • Synedrium: “Estorsioni anche agli ambulanti del mercato di Sant’Elia”

  • L'amico non gli dà un passaggio in auto: lui lo accoltella

Torna su
BrindisiReport è in caricamento