Commenda, avviso interruzione energia elettrica: protesta dei commercianti

Mercoledì 7 agosto dalle 9 alle 14 per lavori su impianti Enel: "Miglioramento della qualità". I titolari de Il pranzo è servito: “Disagi che obbligano a chiudere. Perché non eseguire gli interventi nelle ore serali?”. Appello al Comune

Lo staff de Il pranzo è servito

BRINDISI – Interruzione di energia elettrica per mercoledì 7 agosto, dalle 9 sino alle 14, in viale Commenda, via Asinio Pollione e in via Settimio Severo: Enel ha necessità di portare a termine lavori sugli impianti per garantire un miglioramento del servizio, ma l’avviso ha già scatenato la rabbia di diversi titolari di esercizi commerciali della zona.

La protesta dei commercianti

avviso enel rione commenda-2“Il disagio sarà innegabile con conseguenze per tutti i nostri clienti”, dicono i titolari de Il Pranzo è servito, punto di riferimento in viale Commenda, per chi non ha la possibilità di rientrare a casa per il pranzo, e per chi fa affidamento sul servizio di asporto di piatti pronti. “La sospensione della fornitura elettrica ci obbliga a chiudere l’attività il 7 agosto”, afferma il gruppo di lavoro coordinato da Stefano Giglio. “Perderemo una giornata di lavoro, noi che siamo aperti sino alle 15. Possibile mai che nella città della centrale non è stato possibile organizzare l’esecuzione dei lavori con tempistica differente?”.

“Disagi ci saranno anche per i bar, i mini market e tutti gli altri esercizi commerciali che si trovano nelle vicinanze”, proseguono. “Come sempre, i negozianti vengono lasciati da soli: non risulta che il Comune di Brindisi si sia interessato del problema. E non è la prima volta che accade”, proseguono. “Capiamo le esigenze della società, ma avremmo gradito che Enel si fosse preoccupata anche di noi commercianti. Invece nulla. Siamo costretti a prendere atto che la società si è limitata a far distribuire e affiggere nei pressi dei negozi, gli avvisi di interruzione di energia elettrica, con ringraziamento per la cortese collaborazione”.

L’appello al Comune

I commercianti della zona intendono incontrare il sindaco e l’assessore alle Attività produttive: “Speriamo di essere ascoltati”, dicono. Intanto più di qualcuno sembra intenzionato a rivolgersi a un legale. “E’ innegabile che l’interruzione comporterà una serie di danni sul piano economico”.

Enel

Più esattamente, l’interruzione, stando ai volantini, interesserà viale Commenda, dal civico 80 al 90° e dal 94 al 118; via Asinio Pollione da l civico 1 al 3 e via Settimio Severo dal civico 6 al 12, nella sola mattinata del prossimo 7 agosto, a partire dalle 9 e sino alle 14. Enel ha fatto sapere di non poter fare diversamente e che si tratta di lavoro non più differibili per migliorare il servizio offerto agli utenti.

Informazioni sui lavori programmati e su eventuali altri interruzioni sono disponibili sul sito internet di e-distribuzione. Enel, inoltre, ha messo a disposizione un numero al quale è possibile inviare un Sm: 320.2041500. In questo caso è necessario indicare il codice POD(IT001E…) indicato nella bolletta. E’ anche possibile scaricare e consultare la app gratuita “Guasti e distribuzione”. Per tutte le segnalazioni, è disponibile il numero verde 803.500.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Sversavano tonnellate di veleni: Brindisi come la "Terra dei Fuochi"

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento