rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Piazza Raffaello

Sparatoria in piazza Raffaello: colpiti padre e figlio, Il primo muore in ospedale

Una sparatoria si è verificata attorno alle 13.30 in un condominio di piazza Raffaello al quartiere Sant'Elia di Brindisi. Due le persone ferite: padre e figlio, Cosimo Tedesco, che versa in gravi condizioni, 52 anni, e Luca Tedesco, trent'anni circa - Aggiornamento: Cosimo Tedesco è spirato al Perrino

BRINDISI - Una sparatoria si è verificata attorno alle 13.30 in un condominio di piazza Raffaello al quartiere Sant’Elia di Brindisi. Due le persone ferite: padre e figlio Cosimo Tedesco, che versa in gravi condizioni, 52 anni, e Luca Tedesco, trent’anni circa, quest’ultimo trasportato in ospedale ma non con Cosimo Tedesco-2ferite che desterebbero particolare preoccupazione (Video). Cosimo Tedesco lavora alla Monteco. I due hanno un legame di parentela con Giuseppe Tedesco, detto ‘Capu ti bomba’ (sono l’uno il fratello e l’altro il nipote), condannato all’ergastolo per omicidi compiuti da componente del gruppo di fuoco di Vito Di Emidio, ex boss e pentito brindisino (nella foto a destra, Cosimo Tedesco).

I fatti verificatisi oggi, giorno di festa, ad ora di pranzo, non sembrerebbero svincolati da contesti delinquenziali. Padre e figlio sarebbero stati colpiti dopo una discussione da altre persone. Vi è quindi attività investigativa condotta dai carabinieri al fine di individuare chi ha sparato e quale fosse l'oggetto del contendere. Sembra che il ferito sia in fase di trasferimento al Vito Fazzi di Lecce dove opera un centro di chirurgia toracica. Infatti da notizie raccolto sul luogo dell'agguato pare che Tedesco sia stato colpito anche ad un polmone. Le sue condizioni sono gravi, la prognosi è riservatissima. Luca Tedesco invece è stato ferito all'addome e i medici del Perrino lo hanno sottoposto ad una Tac prima di decidere l'intervento chirurgico.

Omicidio a piazza Raffaello

I carabinieri del nucleo di investigazioni scientifiche del comando provinciale hanno effettuato rilievi sia all'esterno che all'interno dell'androne del condominio dove abita la famiglia delle due vittime. Fuori dal portone d'ingresso i carabinieri hanno raccolto due caschi da motociclista. Non si sa ancora se appartengono alle persone ferite nell'agguato oppure ai killer. Malgrado il rilievo del fatto, in strada nella zona di piazza Raffaello non c'è un'anima viva. Nessun capannello di curiosi. Tutti gli abitanti sono asserragliati in casa e seguono la scena dalle finestre.

Aggiornamento - Cosimo Tedesco non ce l'ha fatta. E' morto poco fa in ospedale. Anche le condizioni di Luca Tedesco, il figlio, si sono aggravate. Intanto, contrariamente a quanto appreso in principio, le due vittime non abitavano in piazza Raffaello 22, ma erano giunte sul luogo per incontrare qualcuno. I carabinieri stanno procedendo alla rimozione di una Lancia Y nera e di una Fiat Punto dello stesso colore,. che sono state sottoposte a sequestro.

Aggiornamento - Le auto sequestrate dai carabinieri sono quelle delle vittime. Quindi i caschi da motociclista recuperati dagli investigatori sul posto potrebbero essere quelli delle persone che hanno aperto il fuoco.

Aggiornamento - Luca Tedesco ha lasciato la sala operatoria e rimane in terapia intensiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria in piazza Raffaello: colpiti padre e figlio, Il primo muore in ospedale

BrindisiReport è in caricamento