menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche i Saf vvff brindisini allo spettacolo del tricolore srotolato dal Colosseo

C'erano anche sette vigili del Fuoco del Nucleo speleo alpino fluviale di Brindisi tra i vigili del fuoco che venerdì 2 giugno in occasione dei festeggiamenti per il 71° anniversario della Proclamazione della Repubblica hanno srotolato una grande bandiera tricolore dal Colosseo

BRINDISI – C’erano anche sette vigili del Fuoco del Nucleo speleo alpino fluviale di Brindisi tra i vigili del fuoco che venerdì 2 giugno in occasione dei festeggiamenti per il 71° anniversario della Proclamazione della Repubblica, svoltisi a Roma, hanno srotolato una grande bandiera tricolore dal Colosseo. Si tratta di Giuseppe Corvaglia, Massimo Tasso, Cosimo Galluzzo, Cosimo Carriero, Gene Pagliara, l’ispettore Giancarlo Zullino e il Cse Francesco Galluzzo.

saf colosseo vigili del fuoco-2

Il tema di quest'anno era "Festa della Repubblica, insieme per il Paese". Come è riportato sul sito internet del Corpo, “i vigili del fuoco hanno sfilato nel VII settore, dedicato ai Corpi Armati e non dello Stato, sullo sfondo del tricolore dispiegato sul Colosseo dagli specialisti dei Gruppi Speleo Alpino Fluviali del Corpo, preceduti dalla Bandiera d'Istituto, decorata con 23 medaglie d'oro e 6 medaglie d'argento”.

IL VIDEO

Prima della parata, il capo dipartimento, prefetto Bruno Frattasi, e il capo del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, ingegner Gioacchino Giomi, accompagnati dal direttore Centrale per la formazione, ingegner Emilio Occhiuzzi, hanno passato in rassegna il personale schierato. Giomi si è complimentato personalmente con gli specialisti del Saf per le operazioni svolte.

vigili del fuoco colosseo1-2

 “Nello spirito del tema della rassegna, il Corpo Nazionale testimonia il suo ruolo di struttura dello Stato portatrice di valori di solidarietà, sempre in prima linea nelle emergenze che colpiscono la popolazione, assicurando oltre 2000 interventi di soccorso tecnico urgente al giorno. A nove mesi di distanza dal primo degli eventi sismici che hanno colpito l'Italia Centrale, il Corpo Nazionale è ancora presente, nelle quattro regioni coinvolte, con un dispositivo di soccorso che ha visto impegnati fino a 1000 uomini al giorno. Sono circa 190.000 gli interventi effettuati dal 24 agosto ad oggi, nelle zone colpite dagli eventi sismici, per soccorso, assistenza alla popolazione, riduzione delle criticità strutturali di immobili e di edifici pregevoli per arte e storia, recupero di opere d'arte”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento