Cronaca

"Fontana Tancredi a rischio di danni strutturali gravissimi e irreversibili"

Fontana Tancredi a rischio di danni strutturali, le associazioni locali si uniscono e chiedono interventi immediati da parte di Comune di Brindisi, Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Lecce e Segretariato Regionale Mibact per la Puglia “perché la Fontana Tancredi sia salvata da danni statici e strutturali gravissimi e irreversibili”

BRINDISI – Fontana Tancredi a rischio di danni strutturali, le associazioni locali si uniscono e chiedono interventi immediati da parte di Comune di Brindisi, Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Lecce e Segretariato Regionale Mibact per la Puglia “perché la Fontana Tancredi sia salvata da danni statici e strutturali gravissimi e irreversibili”. Si legge nella nota sottoscritta da Italia Nostra, Legambiente, Touring Club Italiano, Centro Turistico Giovanile Ctg, Fondazione Tonino Di Giulio, WWF Brindisi, Lega Navale Italiana Sezione di Brindisi, Associazioni “Acli Città di Brindisi, Acli Ambiente Brindisi, Acli Arte e Spettacolo”, Proloco Brindisi, Soroptimist Club Brindisi, Amici dei Musei, Marina di Brindisi, Eliconarte, Le Muse delle Arti, Associazione Jonathan, Associazione Marinai d’Italia Brindisi.

La Fontana TancrediLe associazioni “denunciano il grave pericolo che incombe sulla Fontana Tancredi, a causa dei lavori di costruzione di un nuovo edificio composto da “piano seminterrato per garage e locale tecnico, piano terra per uffici e Servizi. Piani primo, secondo ed attico, per una abitazione a piano con annessi balconi”, sul terrapieno alle spalle del monumento”. “La Fontana Tancredi (si trova in via Provinciale San Vito, ndr), realizzata nel 1192 per volontà dal re normanno Tancredi di Sicilia in occasione del matrimonio tra suo figlio Ruggero e la principessa Irene, figlia dell'imperatore bizantino Isacco II, avvenuto nella cattedrale brindisina, è considerata dagli studiosi un pregevole esempio di ingegneria idraulica e architettura civile normanna in Puglia". 

"Ora, la costruzione di un fabbricato residenziale sul terrapieno retrostante, costituito da terreno di riporto, può causare un cedimento delle murature di contenimento e gravissimi danni statici e strutturali alla Fontana Tancredi, che è stata oggetto di un importante restauro da parte del Comune, completato nel febbraio 2013. Inoltre, riteniamo gravemente lesa la fruizione del monumento per il pesante impatto visivo determinato da un edificio a tre piani, che non può essere oscurato da “una cortina di verde”, così come prescritto dalla concessione edilizia. In tal caso si aggiungerebbero altri danni derivanti dalle radici delle piante messe a dimora".

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Fontana Tancredi a rischio di danni strutturali gravissimi e irreversibili"

BrindisiReport è in caricamento