Furto nella sede anagrafe del Comune di Brindisi: presi due computer

Ladri in azione nel fine settimana anche nella ripartizione del rione Sant’Elia: rubati pc. Vandali nella vecchia delegazione del Perrino

BRINDISI – Palazzo di città e la sede della delegazione del quartiere Sant’Elia sono tornati nel mirino dei ladri: nel fine settimana sono riusciti a entrare negli uffici anagrafe, probabilmente alla ricerca di denaro, e sono andati via con alcuni computer.

Anagrafe

A scoprire l’intrusione sono stati questa mattina alcuni dipendenti del Comune di Brindisi, i primi ad arrivare nella sede della ripartizione Anagrafe che si affaccia in via Filomeno Consiglio. Stando a quanto si apprende, i ladri sono riusciti a buttare giù il portone che si trova accanto all’ingresso dell’ufficio Anagrafe, quello che in passato era riservato all’accesso al garage per i mezzi comunali. Una volta all’interno, hanno messo a soqquadro l’ufficio delle carte d'identità elettroniche, senza riuscire a trovare la cassaforte. Sono riusciti a portare via due computer in uso agli uffici. Si tratterebbe di quelli usati dagli impiegati per il rilascio dei documenti di identità elettronica e dei certificati.

delegazione comunale sant'elia-2-2-2

Sant’Elia

Azione analoga è stata consumata nella delegazione del Comune aperta nel rione Sant’Elia, in via Antonio Ligabue: in questo caso i ladri sarebbero riusciti a trovare la cassaforte, ma non ad aprirla e  sono andati via con due computer. Non sono riusciti a portar via altro. A chiamare i carabinieri sono stati i dipendenti che hanno avvertito anche l'assessore all'Anagrafe Mauro Masiello.

Sia nella delegazione del rione che nella ripartizione Anagrafe del Comune, sono arrivati anche i militari della scientifica alla ricerca di eventuali tracce biologiche o impronte digitali. I carabinieri sono al lavoro anche per raccogliere i filmati registrati da alcune telecamere di sorveglianza presenti sia nella zona del Centro che nelle vicinanze della delegazione.

Perrino

Stamattina, contestualmente alla scoperta dei furti, è venuto a galla un atto di vandalismo compiuto all’interno della vecchia sede della delegazione Perrino di Brindisi, in via Tevere. Nell’immobile ormai abbandonato, qualcuno è entrato e ha messo mano alle vecchie carte d’identità spargendole per terra. Si tratta di documenti scaduti. Non è chiaro per quale motivo siano rimasti lì.

furto pc palazzo guerrieri 1-2-2-2

Gli interrogativi

Ad agire sono stati gli stessi? I ladri appartengono allo stesso gruppo? Erano interessati solo al denaro o anche ai dati conservati nei computer? L’allarme era in funzione oppure no?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il precedente

L’ultimo furto in una sede comunale risale a un anno fa: il 6 novembre 2018 venne preso di mira Palazzo Guerrieri. I ladri riuscirono a portar via cinque computer e un drone, del valore complessivo di diecimila euro, forzando una porta finestra che si affaccia in un cortile laterale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Uomo trovato morto in casa dell'anziano che assisteva: disposta autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento