Cronaca

Gattini appena nati abbandonati nei rifiuti. Secondo caso in pochi giorni

A quanto pare a Brindisi va di moda abbandonare gattini appena nati. Questa volta gli sfortunati animali erano stati rinchiusi in una busta di plastica e lasciati sempre in un cassonetto dell'immondizia

BRINDISI – A quanto pare a Brindisi va di moda abbandonare gattini appena nati. Dopo l’episodio di sabato scorso quando un imprenditore ha trovato una scatola con micetti agonizzanti lasciata in via Ponte Ferroviario nei pressi di un bidone della spazzatura, nel pomeriggio di oggi (mercoledì 13 aprile) a fare una scoperta simile una ragazza di Brindisi. Questa volta gli sfortunati animali erano stati rinchiusi in una busta di plastica e lasciati sempre in un cassonetto dell’immondizia.

“Questi tre gattini sono stati trovati oggi in un bidone della spazzatura presso il quartiere Santa Chiara di Brindisi – racconta la ragazza - passando ho sentito il loro miagolio stridulo provenire dall'immondizia ed avvicinandomi ho notato una semplicissima busta di plastica che si muoveva. Io ed i miei amici li abbiamo salvati da una morte certa. Ora sono al caldo e presto riceveranno delle cure che non saranno mai all'altezza di quelle della loro madre essendo appena nati, con il cordone ancora attaccato e con gli occhi chiusi. Chiunque sia stato si faccia un esame di coscienza”.

Senza contare il fatto che chiunque sia stato potrebbe rischiare una denuncia. L'abbandono di animali, infatti, è un reato punito dal codice penale (art. 1 comma 3 Legge 189/2004) e recita: "chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro". E non sarebbe difficile scoprirlo se si considera il fatto che la città è piena di telecamere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gattini appena nati abbandonati nei rifiuti. Secondo caso in pochi giorni

BrindisiReport è in caricamento