Brindisi. Rifiuti speciali nel giardino di casa, uomo denunciato

Il 63enne, già agli arresti domiciliari, aveva accatastato in una zona di pertinenza della sua abitazione rifiuti ferrosi e plastiche

BRINDISI -  E' stato denunciato per gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi, un 63nne di Brindisi, già agli arresti domiciliari. I carabinieri della stazione di Brindisi Casale, nel corso di un controllo avvenuto ieri, mercoledì 24 giugno, presso l'abitazione dell’uomo, per verificare il rispetto delle prescrizioni imposte dalla misura degli arresti domiciliari, hanno notato, accantonati nel giardino di pertinenza della sua proprietà, circa 4 mq di rifiuti ferrosi, parti di apparecchiature elettroniche e vario materiale plastico in stato di abbandono. L’area è stata sottoposta a sequestro penale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento