Incendio a bordo della motonave Corfù, ma è una esercitazione

La Capitaneria di porto e i Vigili del fuoco alle prese con una situazione di emergenza portuale simulata

BRINDISI - Si è svolta questa mattina (venerdì 4 dicembre), nel porto di Brindisi, l’esercitazione antincendio della Capitaneria di porto finalizzata a testare il livello di prontezza operativa di tutti gli operatori che, per il  proprio ambito di competenza, sono chiamati a fronteggiare una situazione di emergenza antincendio portuale. Sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Brindisi è stato simulato l’incendio a bordo della motonave Corfù, battente bandiera italiana, ormeggiata presso la banchina "Costa Morena Terrare 18" del porto Medio di Brindisi. 

esercitazione antincendio guarda costiera 2-2-2

Alle 10.45, ricevuta la chiamata di emergenza da parte del comando di bordo, la sala operativa ha richiesto l’intervento immediato dei Vigili del fuoco allo scopo di intervenire con propri mezzi per le operazioni di spegnimento, nonché dei servizi  tecnico-nautici (rimorchiatori, ormeggiatori e piloti) per fronteggiare l’eventualità che il propagarsi dell’incendio rendesse necessario il disormeggio immediato della nave. Alle operazioni ha preso parte, altresì, la motovedetta CP844 della Guardia Costiera per garantire la necessaria cornice di sicurezza in mare. Mentre le operazioni di spegnimento erano in corso, i militari della Capitaneria di porto hanno assicurato il cordone di sicurezza a terra per consentire il rapido accesso in  porto ai soli mezzi di soccorso, allertati per fornire le cure ad un membro dell’equipaggio, rimasto ustionato ed intossicato, ovviamente il tutto è stato simulato. L’intera attività, terminata alle 11.15, è stata condotta nel rispetto delle procedure previste dalla monografia antincendio della Capitaneria di porto di Brindisi. L'esercitazione, prevista dalla normativa nazionale, ha dato un buon esito e ha consentito di accertare l’ottimo livello di risposta e prontezza, mettendo in luce la sinergia tra i diversi soggetti istituzionali e privati intervenuti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento