Natale a Brindisi, luci al risparmio. Rubate piante per beneficenza

Erano state acquistate per allestire un bar del Casale. In Centro installazioni offerte da Newpower, Formica e Chemgas per 29.200 euro

BRINDISI – Natale a Brindisi in tono minore, con luminarie in Centro al risparmio tenuto conto del clima di austerity. A fare la differenza e a regalare un po’ di aria natalizia, ci sono i commercianti e i residenti nei quartieri, costretti però a fare i conti con furti: nella notte sono sparite le piantine che il titolare del bar La Capannina, al Casale, aveva comprato partecipando a un’iniziativa di beneficenza.

Lo sforzo dei negozianti e i furti

Qualcuno ha portato via le tradizionali Stelle di Natale e le piantine grasse che erano state sistemate nelle cassette di legno per essere destinate ad allestimento esterno del locale. Assurdo. Ma vero.

“Possibile che si arrivi a tanto?”, chiedono i clienti più affezionati del bar. “L’iniziativa era davvero carina”, spiega uno di loro. “Con l’acquisto delle Stelle di Natale il titolare aveva contributo all’iniziativa di beneficienza in favore di un’associazione e al tempo stesso aveva abbellito la zona esterna”.

Non ha voglia di parlare il titolare. Ha sfogato la rabbia per quanto accaduto scrivendo un post pubblicato sul social network Facebook: “Volevo informare i signori ladri di piante e foriere poste all’esterno, che le telecamere hanno ripreso tutto e non volete essere postati su Facebook e su Instagram, farete in tempo a portarle anche di notte, senza farvi vedere. Grazie”.

Le telecamere

Le telecamere del locale che si trova in via Duca degli Abruzzi hanno ripreso l’azione di una sola persona, presumibilmente un giovane, incappucciata. Non è escluso che ci fosse almeno un complice. Si pentiranno? Torneranno indietro a restituire le piantine? Alzano le spalle, alcuni dei clienti del bar. “Ma la speranza è l’ultima a morire”, dicono altri. “Chissà che lo spirito del Natale non si faccia sentire”.

Le luminarie in centro

In Centro l’atmosfera natalizia si percepisce appena, rispetto a quanto è stato realizzato in altri Comuni, da Ceglie Messapica a Ostuni e Mesagne. L’Amministrazione cittadina può contare su tre offerte, sotto forma di sponsorizzazioni, per le luminarie che dovrebbero essere accese il 7 dicembre. La strada dell’appello ai privati è stata scelta per la prima volta a Brindisi, non essendoci disponibilità economiche in bilancio, dopo la dichiarazione di squilibrio.

Le sponsorizzazioni

In piazza Duomo, la società Chemgas installerà la tradizionale stella cometa. “La sponsorizzazione tecnica ha un valore commerciale pari a 15mila euro”. Palazzo Nervegna sarà illuminato con il contributo della società New Power: “La sponsorizzazione finanziaria è pari a duemila euro”. L’albero da posizionare all’incrocio di corsi sarà offerto dalla società Fornica Ambiente, titolare della discarica per rifiuti, in passato usata come sito di soccorso: “La sponsorizzazione tecnica ha un valore commerciale pari a 12.200 euro”.

I corsi

Lungo corso Umberto, corso Roma e corso Garibaldi, saranno allestite le luminarie proposte dalla società Nuova elettro luminarie di San Donaci, già fornitrice di installazioni luminose per il Comune di Brindisi, tramite la partecipata Energeko. E’ la stessa ha fornito gli allestimenti per lo scorso Natale (con successva contestazione dell'Ente, socio unico della società Energeko) e per la festa in onore dei Santi patroni. L’affidamento ammonta a 19mila euro, più Iva, a fronte di un impegno di spesa di 30mila euro.

I quartieri

Nelle zone rimaste al buio, spuntano le luci allestite dai commercianti. A spese loro. Sono state già accese in via Conserva, ad esempio. E in alcuni tratti del lungomare Regina Margherita. Iniziative anche nei quartieri, per volontà dei residenti. Nel rione Commenda, il comitato ha realizzato un albero di Natale e si appresta ad allestire il presepe, dopo aver chiamato a raccolta le famiglie con messaggi su  Facebook e Whatsapp: “Se passate, potete lasciare un addobbo”, si legge sul post pubblicato ieri. “Lo spirito è questo: che sia qualcosa che ciascuno senta sua, che ne possa godere e prendersene cura”, è scritto ancora. “Per il presepe, noi siamo disponibili. E voi? Fateci sapere”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Sub disperso in mare: ritrovato il corpo privo di vita

  • Muore soffocato da un pezzo di focaccia

  • "Dacci 50mila euro o ti bruciamo gli ulivi": ma l'imprenditore sporge denuncia

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Bimbo di 10 anni si accascia in strada: un vigilante gli salva la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento