Cronaca

Navetta Stp in centro, a pagamento dal primo gennaio 2020

Il servizio gratuito incideva per 5mila euro al mese sul bilancio del Comune. Nessuna modifica per gli orari

BRINDISI – Non sarà più gratuito il servizio navetta in Centro, sia per la linea rossa che per quella verde, a partire dal prossimo anno: “Dal primo gennaio 2020 sanno usufruibili con titolo di viaggio, validi per il servizio urbano di Brindisi”.

20191228_104142-2

Il biglietto

Sarà, quindi, necessario munirsi di biglietto prima di salire a bordo. Nessuna variazione, invece, è stata apportata al percorso delle due linee che garantiscono i collegamenti dal parcheggio di via Spalato sino in viale Regina Margherita e agli orari che restano quelli in vigore dal primo marzo 2018.

La novità è stata resa nota dalla Società Trasporti Pubblici di Brindisi (Stp) con un post sulla pagina Facebook e con un avviso sul sito internet della stessa società. Si tratta di una decisione conseguente al passo indietro anticipato dal Comune di Brindisi, rispetto alla gratuità del servizio, nell’ambito dei tagli inseriti nel piano di riequilibrio finalizzato al superamento del disavanzato stimato in 25 milioni di euro, nell’arco dei prossimi dieci anni.

La motivazione

“Il servizio è stato ritenuto utile nonché opportuno, quale intervento incentivante della mobilità sostenibile”, spiegano da Palazzo di città. La navetta gratuita incideva sul bilancio comunale per cinquemila euro al mese, inclusa Iva al 10 per cento. Per far tornare i conti, sono stati previsti il biglietto del costo di un euro a corsa o gli abbonamenti pari a 30 euro al mese, per tutte le linee urbane della Stp.

Per la linea rossa, attiva il venerdì, il sabato e la domenica, il Comune ha stimato 350 passeggeri al giorno, stando ai dati elaborati partendo da quelli forniti dalla Stp con riferimento al 2018. Per la linea verde, in funzione dal lunedì al giovedì, il numero dei passeggeri stimato è pari a 250.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Navetta Stp in centro, a pagamento dal primo gennaio 2020

BrindisiReport è in caricamento