Tre indagati per il delitto Tedesco: ecco chi sono. Accusa omicidio per futili motivi

Omicidio volontario aggravato dai futili motivi, oltre al tentato omicidio e a lesioni gravissime, in concorso: sono le accuse contestate alle tre persone che risultano indagate, uno sottoposto a fermo e gli altri due irreperibili

BRINDISI - Omicidio volontario aggravato dai futili motivi, oltre al tentato omicidio e a lesioni gravissime, in concorso: sono le accuse contestate alle tre persone che risultano indagate, uno sottoposto a fermo e gli altri due irreperibili, per l’uccisione di Cosimo Tedesco, 52 anni e per il ferimento del figlio Luca, ancora in terapia intensiva. Si tratta di Alessandro Coffa, 31 anni, di Andrea Romano, 28 anni, e Alessandro Polito, 31 anni, questi ultimi due ricercati dai carabinieri.

Alessandro Polito tradotto al carcereRomano era agli arresti domiciliari, proprio al civico 22 di piazza Raffaello quando si è verificata la sparatoria che risale alle 13.30 del primo novembre scorso, giorno di festa. Coffa è assistito dall’avvocato Cinzia Cavallo che in altri procedimenti ha difeso anche gli altri due. Il pm titolare del fascicolo conferirà domani alle 12 al medico legale Antonio Carusi: l’avviso è stato notificato come parti offese anche ai parenti di Tedesco, morto in ospedale poco dopo i fatti per le lesioni riportate. Si sono affidati all’avvocato Paoloantonio D’Amico.

Il delitto, come tra l’altro rivela la contestazione dell’aggravante dei futili motivi, è ritenuto dagli investigatori la degenerazione d’impeto di una lite scoppiata la notte di Halloween. A quanto si è potuto accertare i due Tedesco, padre e figlio, che non abitano in piazza Raffaello, si erano recati sul posto probabilmente per chiarire lo screzio sorto per ragioni che ancora non si conoscono. Le due autovetture loro riconducibili sono state trovate e sequestrate dai militari dell’Arma proprio lì, dinanzi all’ingresso oltre il quale c’è stata la discussione con spargimento di sangue.

Sono una Lancia Y e una Fiat Punto. Sono stati anche rivenuti e posti sotto chiave per le indagini in corso due caschi. Tedesco, netturbino, era dunque insieme al figlio nell’androne di un palazzo in cui non risiede. Ci abita invece Andrea Romano, 28 anni, che era sottoposto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico e che è fuggito via dopo essersi disfatto del dispositivo che ha segnalato l’anomalia e che è stato rinvenuto poco dopo. Il segnale gps avrebbe consentito agli investigatori di localizzarlo.

Alessandro CoffaNon è ancora chiaro se sia stata utilizzata una sola pistola o se a tuonare, in un dì di festa, siano state più armi. Si sa che i proiettili hanno raggiunto Tedesco in zone vitali e il figlio Luca, 30 anni, all’addome. Il ferito è stato sottoposto a un intervento chirurgico, lotta ora per la vita all’ospedale Perrino di Brindisi.

Subito delineata, quindi, una ricostruzione dei fatti che ha portato all’individuazione dei responsabili. Nessun agguato di mala, non un regolamento dei conti, nonostante i protagonisti della vicenda siano tutte persone già conosciute alle forze dell’ordine o comunque in qualche modo associabili a personaggi vicini alla Scu. Mino Tedesco, la vittima, è il fratello di Giuseppe, detto Capu Ti Bomba, condannato all’ergastolo per i delitti griffati Scu del gruppo di fuoco di Vito Di Emidio, detto Bullone. Romano e Coffa furono beccati insieme dai poliziotti della Squadra Mobile di Brindisi mentre, emerse dalle indagini, stavano per mettere a segno una rapina in trasferta. Erano in camper, avevano con sé delle armi. Era il novembre 2013.

Andrea Romano-2Nella notte delle streghe il contrasto fra le nuove leve della criminalità brindisina (neppure tanto nuove) la cui origine è ancora materia di approfondimento da parte dei militari che stanno conducendo le indagini. Poi l’incontro, ad ora di pranzo, per placare gli animi che invece si sono ancor più infiammati finché qualcuno non ha estratto l’arma e l’ha fatta tuonare.

Il primo ad essere catturato è stato Coffa, per la cui convalida del fermo di indiziato di delitto si deciderà tra domani e dopodomani, dopo il rituale interrogatorio dinanzi al gip. E’ stato sottoposto alla prova dello stub per rilevare eventuali tracce di polvere da sparo sulle sue mani o sugli abiti. Gli altri due sono fuggitivi: svaniti nel nulla. La procedura prevede, ad ogni modo, che ognuno possa nominare un consulente di parte per partecipare all’esame autoptico che sarà eseguito probabilmente nel pomeriggio di domani. Nel frattempo proseguono le ricerche. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento