menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un chilo di cocaina, pistola e 50mila euro in contanti: coppia in carcere

Pierluigi Chionna 40 anni, e Concetta Di Summa, 49, entrambi di Oria, intercettati dalla Finanza: hanno forzato il posto di blocco e nella fuga hanno danneggiato due auto parcheggiate. La droga se immessa sul mercato avrebbe garantito un guadagno di almeno 200mila euro

ORIA - Un chilo di cocaina nella borsa, droga che avebbe garantito un guadagno di almeno 200mila euro, una pistola con 13 munizioni e denaro contante per 50mila euro: lui e lei, conviventi, residenti a Oria, hanno provato a forzare il posto di blocco della Finanza, ma sono finiti in carcere. 

droga (1)-4

I nomi degli arrestati

Sono stati arrestati entrambi: Pierluigi Chionna, 40 anni, già noto alle forze dell'ordine,  è ristretto nel carcere di Brindisi, e la sua compagna, Concetta Di Summa, 49, nel braccio femminile del penitenziario di Borgo San Nicola, a Lecce, in attesa dell'udienza di convalida che si svolgerà nelle prossime ore. I due viaggiavano a bordo di una Bmw serie 1. I militari delle Fiamme Gialle impegnati in un servizio di controllo ordinario, hanno intimato l'Alt, ma niente. L'auto ha proseguito a velocità sostenuta andando a urtare contro due utilitarie parcheggiate al lato della strada.

L'inseguimento e la cocaina

A quel punto è partito l'inseguimento durato pochi minuti: la Bmw è stata bloccata dopo alcune centinaia di metri. I finanzieri, quindi, hanno eseguito una perquisizione per comprendere il motivo alla base del tentativo di fuga e lo hanno trovato all'interno di una borsa che era in auto: un panetto di cocaina, del peso di un chilogrammo. Droga ritenuta di buona qualità, destinata probabilmente al mercato locale. Certamente di valore, stando alle quotazioni perché se venduta avrebbe consentito un guadagno di almeno 200mila euro.

pistola-4

La perquisizione a casa: la pistola e i contanti

Di fronte alla scoperta della cocaina, i finanzieri hanno proseguito con i controlli, spostandosi nell'abitazione della coppia per procedere con una perquisizione e qui hanno trovato una pistola completa di 13 munizioni calibro 9x21 e materiale solitamente usato per il confenzionamento della droga: tre frullatori, una macchina per il sottovuoto e centinaia di bustine trasparenti. A casa, inoltre, i finanzieri hanno trovato 50mila euro in contanti, somma considerata il provento dell'attività di vendita della sostanza stupefacente.

soldi-2-2

L'arresto, quindi, è stato immediato una volta trasmessa la comunicazione al pubblico ministero di turno. Le indagini proseguono lungo due binari: da un lato per ricostruire i canali di  approvvigionamento della cocaina, dall'altra per definire la rete di vendita. Pierluigi Chionna, di Oria fu arrestato e riconosciuto defintivamente colpevole per una rapina avvenuta il 27 aprile del 2012 ai danni di un fornitore di materiale elettrico di Carovigno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento