Pesca di frodo, sequestrato oltre un quintale di prodotti ittici

L'operazione della Capitaneria di porto nei pressi di un pontile del capoluogo. Il pesce sequestrato è stato donato allo Zoosafari

BRINDISI – Cento chilogrammi di cefali sono stati sequestrati ieri sera, lunedì 16 novembre, dal personale della sezione di Polizia marittima ambiente e difesa costiera della Capitaneria di Porto di Brindisi, in collaborazione con il centro di controllo di area della pesca della direzione marittima di Bari. Il prodotto ittico, proveniente dalla pesca di frodo, è stato individuato nei pressi di un pontile presente nel porto del capoluogo.

Tutto il prodotto pescato illegalmente è stato sottoposto a sequestro amministrativo ed a seguito dei controlli sanitari da parte del servizio Veterinario della Asl di Brindisi “Siav B”, è stato dichiarato non destinabile al consumo umano e, pertanto, donato allo Zoosafari di Fasano per l’alimentazione degli animali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento