Cronaca Via Arturo Ferrarin

Raggiunge Brindisi in treno per poi tornare con un'auto rubata, arrestato

Probabilmente non sapeva che a Brindisi la questura aveva predisposto il piano sicurezza "Natale Tranquillo" che prevede un potenziamento del servizio di controllo da parte dei poliziotti, il 26enne di Mesagne che nella serata di ieri ha raggiunto il capoluogo in treno per rubare una Lancia Y

BRINDISI – Probabilmente non sapeva che a Brindisi la questura aveva predisposto il piano sicurezza “Natale Tranquillo” che prevede un potenziamento del servizio di controllo da parte dei poliziotti, il 26enne di Mesagne che nella serata di ieri ha raggiunto il capoluogo in treno per rubare una Lancia Y. Il giovane è stato sorpreso dai poliziotti mentre ne manometteva l’accensione e arrestato.

Si tratta di Carmine Cariglino, volto sconosciuto fino a questo momento alle forze dell’ordine. L’episodio che ha portato al suo arresto si è verificato alle 2,30 circa della notte scorsa in via Ferrarin al quartiere Casale Una pattuglia della sezione Volanti della questura di Brindisi, diretta dal vice questore Alberto D’Alessandro, all'altezza del civico 5 ha notato una Lancia Y regolarmente parcheggiata ma con lo sportello anteriore destro leggermente aperto. Gli agenti non hanno esitato a eseguire un controllo: si sono avvicinati silenziosamente al mezzo notando dapprima frammenti di vetro di finestrino sparsi per terra e poi una persona rannicchiata all'interno che tentava di rimuoverne il blocco accensione per avviarla e sicuramente rubarla.

Immediatamente bloccato prima che potesse tentare la fuga, è stato poi tratto in arresto per furto aggravato, danneggiamento e possesso di arnesi e grimaldelli atti allo scasso, che sono stati sequestrati. Il proprietario della vettura un residente della stessa via che naturalmente non si era ancora accorto di nulla, è stato rintracciato informato dell’accaduto.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raggiunge Brindisi in treno per poi tornare con un'auto rubata, arrestato

BrindisiReport è in caricamento