menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina al supermercato e in farmacia: torna in carcere uno degli indagati

Torna in carcere il 30enne brindisino Francesco Andriola, arrestato il 16 maggio scorso perché ritenuto responsabile in concorso di rapina e rimesso in libertà tre giorni dopo

BRINDISI – Torna in carcere il 30enne brindisino Francesco Andriola, arrestato il 16 maggio scorso perché ritenuto responsabile in concorso di rapina e rimesso in libertà tre giorni dopo. Oggi è stato raggiunto da ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brindisi, pm Raffaele Casto, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale del riesame di Lecce.

Secondo quanto emerso dalle indagini dei poliziotti brindisini, Andriola è ritenuto responsabile, in concorso con altri, di due rapine a mano armata commesse a novembre e dicembre dello scorso anno.

Il primo dei due episodi delittuosi è stato perpetrato il 27 novembre 2015 ai danni del supermercato Dok di viale Belgio a Brindisi, fruttò circa 900 euro. I malfattori, travisati con passamontagna artigianali ed armati di pistola, prima di fuggire a bordo di un’auto, oltre al denaro contante, si impossessarono di vari oggetti di proprietà del responsabile dell’esercizio commerciale e in particolare di una borsa, di vari documenti personali, di un carica-batteria per cellulari, di chiavi ed anche di una tessera “banco-posta”. La scheda è stata poi indebitamente utilizzata prelevare circa 130 euro da uno sportello automatico.

La seconda rapina è stata compiuta il 22 dicembre all’interno della farmacia Rigliano di viale Pola a Latiano con bottino di circa 800 euro. Anche in quest’occasione i rapinatori agirono travisati e armati. L’arma, questa volta, era una riproduzione di pistola cui era stato rimosso il tappo rosso. Nelle due rapine, il ruolo di Andriola era quello di “palo” e di autista del veicolo con cui poi la banda fuggì. Dopo le formalità di rito, gli operatori della Squadra Mobile hanno condotto il 30enne nel carcere di Brindisi

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento