rotate-mobile
Cronaca Via Severo Settimio

Rubata attrezzatura antincendio da un mezzo della Protezione civile

Ormai si ruba di tutto e di più e se quello che costituisce la refurtiva appartiene alle associazioni di volontariato poco importa. Qualche notte fa è stato rubato un modulo Aib (attrezzatura che serve per spegnere gli incendi ma anche per svuotare aree allagate) da un pick up dell'associazione Protezione Civile Brunda di Brindisi

BRINDISI – Ormai si ruba di tutto e di più e se quello che costituisce la refurtiva appartiene alle associazioni di volontariato poco importa. Qualche notte fa è stato rubato un modulo Aib (attrezzatura che serve per spegnere gli incendi ma anche per svuotare aree allagate) da un Pick-up dell’associazione Protezione Civile Brunda di Brindisi. È stato arrecato un danno che ammonta a 1500 euro che per le tasche di un’associazione di volontariato, ma per la maggior parte delle persone, non sono poche.

Per non parlare poi delle conseguenze che un furto di questo genere può portare alla comunità. Anche da Brindisi potrebbero partire aiuti per la Liguria dove il maltempo ha flagellato molte città e non si esclude che quel mezzo debba servire nei prossimmezzo protezione civile modulo aib-2i giorni per lo stesso territorio Brindisino, considerato il continuo cambiamento delle condizioni meteo degli ultimi mesi. Le bombe d’acqua, si sa, sono imprevedibili.

Il Pick-up derubato era parcheggiato in via Settimio Severo, una traversa di via Appia, il modulo Aib era installato sul cassone, per rubarlo ci è voluto del tempo. Del fatto sono stati informati i carabinieri ed è stata sporta regolare denuncia contro ignoti, nella zona ci sono telecamere e i fotogrammi sono già stati acquisiti dai militari dell’arma. Si spera in un ritrovamento, specie perché si ritiene che il furto di un’attrezzatura di quel genere sia finalizzato solo all’utilizzo come “pezzi da ricambio” per altri mezzi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubata attrezzatura antincendio da un mezzo della Protezione civile

BrindisiReport è in caricamento