Cronaca

Sbarco di migranti sulla costa leccese, preso uno scafista brindisino

E' un 31enne del Brindisino il presunto responsabile di uno sbarco di migranti di nazionalità somala verificatosi all'alba di oggi, venerdì 13 febbraio, sul litorale di Andrano, Comune del Leccese

BRINDISI – E' un 32enne brindisino, Giuseppe Ferente, il presunto responsabile di uno sbarco di migranti di nazionalità di presunta nazionalità siriana, verificatosi all’alba di oggi, venerdì 13 febbraio, sul litorale di Andrano, Comune del Leccese (video). Lo scafista è stato individuato subito dopo lo sbarco dai militari del gruppo aeronavale della della guardia di finanza di Taranto nell'ambito della missione "Triton 2015" promossa dall’Agenzia Europea Frontex e finalizzata al contrasto dei flussi migratori illegali provenienti dal Nord Africa, diretti verso le coste italiane della Sicilia e della Calabria, con pattugliamenti marittimi delle coste nazionali e con supporti investigativi a terra

Giuseppe Ferente-2Questi i fatti. Il Pattugliatore "P02 Denaro" del Gruppo aeronavale Guardia di Finanza di Taranto, intorno alla mezzanotte di ieri, giovedì 12 febbraio, ha intercettato, a circa 35 miglia a largo di Santa Maria di Leuca (Le), un grosso gommone che si dirigeva verso le coste italiane alla velocità di circa 15 nodi. Immediatamente è stato attivato il dispositivo di ricerca, facendo confluire, nella zona di mare a largo di Leuca, i mezzi del Reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza di Bari e un elicottero della guardia di finanza di Bari che ha permesso di individuare la presenza a bordo del gommone sospetto di un gruppo di migranti. Mentre una vedetta veloce è rimasta in attesa dello sbarco dei migranti per porsi all’inseguimento del grosso natante. (Nella foto, Giuseppe Ferente)

Il gommone sequestrato-3Alle 6 di oggi, venerdì 13 febbraio, i migranti sono sbarcati nei pressi di Marina di Andrano (Le), sono stati subito rintracciati dalle pattuglie intervenute nel frattempo nella zona, mentre lo scafista ha tentato la fuga verso una diversa direzione, ma con l’ausilio dell’elicottero è stato intercettato e subito aggiunto dagli uomini delle fiamme gialle. I migranti 14 uomini di presunta nazionalità siriana sono stati trasferiti, per le procedure di rito, presso il centro di temporanea assistenza “Don Tonino Bello” di Otranto, mentre lo scafista, è stato arrestato e la sua posizione è ora al vaglio dell’Autorità giudiziaria.

Nella tarda serata di ieri, invece, i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Tricase, diretta dal capitano Simone Clemente, hanno trovato otto stranieri di nazionalità siriana, tutti maschi, sul litorale di Marina di Serra, località balneare del Comune di Tricase distante poche centinaia di metri dal litorale di Andrano. I profughi sono stati tutti soccorsi e poi accompagnati presso il centro Don Tonino Bello di Otranto. I militari della guardia di Finanza stanno accertando se il 31enne brindisino è anche coinvolto in questo primo sbarco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbarco di migranti sulla costa leccese, preso uno scafista brindisino

BrindisiReport è in caricamento