menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sequestrati dai carabinieri 30 chili di giochi d'artificio pericolosi, 2 denunce

Controlli a tappeto da parte dei carabinieri per contrastare la vendita di materiale pirotecnico illegale, pericoloso per chi lo utilizza. Sequestrati trenta chili di prodotti esplodenti e denunciati due brindisini, di cui uno è venditore ambulante, per commercio abusivo di materiale esplodente

BRINDISI – Controlli a tappeto da parte dei carabinieri per contrastare la vendita di materiale pirotecnico illegale, pericoloso per chi lo utilizza. Sequestrati trenta chili di prodotti esplodenti e denunciati due brindisini, di cui uno è venditore ambulante, per commercio abusivo di materiale esplodente. La scoperta, come già annunciato, rientra in una serie di servizi straordinari di controllo del territorio, finalizzati alla verifica della normativa sulla produzione, commercio e detenzione di artifizi pirotecnici, con particolare attenzione ai botti del genere proibito e alla vendita di prodotti senza autorizzazione.

“Come ogni anno dicembre è il periodo dell'acquisto ed utilizzo più frequente dei fuochi d'artificio e come sempre la cronaca riporta incidenti, anche mortali, e sequestri ingenti di “botti illegali” in varie parti d’Italia”, si legge in una nota inviata dall’Arma, “Ci teniamo a ricordare, soprattutto ai giovani, che si può fare festa rinunciando agli effetti spettacolari dei fuochi d'artificio proibiti, perché sono estremamente pericolosi”.Foto prodotti pirotecnici Brindisi-2

Ogni anno l'Arma dei carabinieri promuove una campagna di sensibilizzazione rivolta soprattutto ai giovani, per educarli al corretto uso dei fuochi pirotecnici legali e disincentivare l'acquisto dei pericolosissimi fuochi illegali, che spesso provocano tante vittime, specie nei giovani di età compresa tra gli 11 e i 14 anni. Anche quest'anno, il campionario dei fuochi d'artificio è assortito, ma anche estremamente pericoloso, specie di quelli proibiti. Ingenti sequestri di "botti illegali" sono già stati eseguiti in varie parti d'Italia ed altri ne seguiranno, ma la battaglia potrà essere vinta soltanto se si riuscirà a far comprendere, soprattutto ai giovani, che il problema è essenzialmente culturale. In questi casi, quasi sempre gli incidenti sono dovuti a disattenzione e non a fatalità.

“Ed i consigli e le informazioni che di seguito vi proponiamo potranno esservi d'aiuto”. Il dubbio che più spesso abbiamo di fronte ad un fuoco d'artificio è se sia o non vietato. Come riconoscerlo? Non esiste più la libera vendita dei giochi pirotecnici; tutti devono riportare sulla confezione un'etichetta con il numero del decreto ministeriale che ne autorizza il commercio, il nome del prodotto, la ditta produttrice, la categoria d'appartenenza e le modalità d'uso. Se il gioco pirotecnico che state acquistando è privo di etichetta, è sempre da considerarsi proibito. Ricordate che tutti i giochi sono comunque molto pericolosi e possono causare, se non usati in modo corretto, gravi danni a persone e cose. Tutti i prodotti pirotecnici Sono classificati dalla normativa vigente (D.L.vo 04.04.2010 n. 58) in Categorie dalla 1^ alla 4^ e quelli compresi dalla 2^ alla 4^ Categoria possono essere venduti solamente nei locali muniti di licenza di P.S. rilasciata dal Prefetto.

E' assolutamente vietato vendere ed acquistare prodotti clandestini. Costituisce reato, che punisce sia il commerciante sia l'acquirente. Nei casi dubbi, prima di acquistare il prodotto rivolgetevi ai carabinieri telefonando al 112.

image003-2Vademecum per il corretto uso dei Fuochi d'artificio. Non acquistare e non usare mai fuochi d'artificio proibiti, sono pericolosissimi; acquista da commercianti autorizzati soltanto fuochi consentiti e lascia che ad accenderli sia un adulto. Affidati al buon senso e se hai l'impressione che sei di fronte ad un venditore improvvisato, lascia stare e vai da un altro; l'uso improprio dei fuochi d'artificio, di qualunque tipo, può comportare gravi conseguenze: ustioni, perdita delle dita, delle mani, della vista e lesioni più gravi; prima di accenderli leggi e segui attentamente le istruzioni. Ancor prima, però, controlla che il prodotto sia in ottimo stato di conservazione ovvero che non presenti segni d'umidità o di danneggiamento e che possono determinare la fuoriuscita di polvere pirica; quando accendi un fuoco d'artificio non indossare indumenti di pile o di fibra sintetica oppure acetati: una scintilla potrebbe incendiarli; se un fuoco d'artificio non si accende subito non ritentare, buttalo via;.

E poi ancora, non tentare di riaccendere botti inesplosi che trovi per strada;usa i fuochi d'artificio consentiti in luoghi aperti, comunque lontano dalle persone e da materiale infiammabile; non unire od accendere contemporaneamente più image007-2fuochi; quando qualcuno usa i fuochi d'artificio, mettiti al riparo. Nell'accendere quelli consentiti ricordati di: posizionare il fuoco su una superficie piana o, in caso di razzi, perfettamente in verticale, non utilizzando bottiglie di vetro; non tenere mai con le mani razzi, candele o petardi; allontanati immediatamente e non accendere razzi o petardi con la miccia corta, potrebbero esploderti in mano da un momento all'altro; non gettare e non indirizzare mai petardi o razzi verso le persone; non far esplodere mai petardi o razzi in bottiglie o dentro contenitori fragili, perché rompendosi possono produrre pericolose schegge.

Non cercare di costruire un petardo di dimensioni maggiori utilizzando le polveri di più petardi; evita di trasportare materiale pirotecnico in macchina e di usare fiamme libere (accendini, fiammiferi, sigarette, ecc.) nelle vicinanze. “Telefona immediatamente al 112 se ti accorgi che qualcuno vende od accende fuochi proibiti: potresti salvare una vita”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento