Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca

Sequestrati oltre 600 chilogrammi tra marijuana e hashish, quattro arresti e tre denunce

Oltre 600 chili di marijuana e 21 chili di hashish sono stati sequestrati dai finanzieri di Brindisi e Lecce nell'ambito di una grossa operazione antidroga. Quattro persone sono finite in manette e tre denunciate

BRINDISI – Oltre 600 chili di marijuana e 21 chili di hashish, del valore commerciale di circa 600mila euro, sono stati sequestrati dai finanzieri di Brindisi e Lecce nell’ambito di una grossa operazione antidroga (video). Quattro persone sono finite in manette e tre denunciate. Gli arrestati sono:  un 33enne di Cellino San Marco, Daniele Caretto, un 33enne di Erchie Cosimo Damiano Galluzzi, un 44enne di Avetrana Leonardo Carrozzo e un 32enne albanese Ishailaj Barhjl. 

La banda è stata bloccata nel pomeriggio di ieri, venerdì 16 gennaio, a Leverano, paese del Leccese, subito dopo aver caricato la droga  sbarcata sulla costa della marina di San Cataldo, in località Le Cesine, una zona già teatro di episodi simili. Viaggiava a bordo di un furgone e di una Renault Clio, mezzi presi a noleggio, sequestrato anche lo scafo con cui il carico è stato portato in Italia. Due delle altre tre persone denunciate (tutti albanesi), al momento del controllo erano fradice, si ritiene, quindi, siano coinvolte nella vicenda.

Questi i fatti. Da qualche tempo i quattro finiti in manette erano "sotto osservazione" da parte dei militari del Nucleo polizia tributaria del comando provinciale della guardia di finanza di Brindisi, coordinati dal maggiore Giuseppe Maniglio, perché sospettati di essere coinvolti in qualche traffico di droga. Intorno alle 17 di ieri, nell'ambito di questi controlli, tutti e quattro sono stati notati mentre si dirigevano a bordo di un furgone e di un’auto sulla costa salentina precisamente nella riserva “Le Cesine”, come già detto una zona scelta più volte in la droga sequestrata-6passato per gli sbarchi di droga. È stato così organizzato un servizio di appostamento che ha coinvolto oltre trenta finanzieri tra Brindisi e Lecce. Nel frattempo è stato accertato, attraverso i numeri di targa che i mezzi erano stati noleggiati. 

Il furgone si è fermato sulla costa mentre l’auto per un paio di ore ha eseguito alcuni giri di “pattugliamento”. Verso le 19 il furgone è stato portato sul bagnasciuga, era già buio pesto. Vi è rimasto per pochi minuti per poi ripartire verso Leverano seguito dalla Clio. I mezzi non hanno imboccato la superstrada ma si sono inoltrati nei paesini limitrofi, molto trafficati in questi giorni per via dei festeggiamenti in onore di Sant'Antonio che stanno interessando Novoli, paese vicino a Leverano. I finanzieri li hanno seguiti. Quando è stato accertato che in quel furgone c’era un grosso carico di droga sono entrati in azione bloccando entrambi i mezzi. Nel frattempo alcune pattuglie avevano fermato sulla costa, nel luogo del presunto sbarco, tre cittadini albanesi due dei quali erano fradici che stavano per salire su un'auto. A circa 15 metri dalla costa c’era uno scafo in avaria. Tutti i mezzi sono stati sequestrati per essere sottoposti a tutti gli accertamenti del caso. Le indagini, naturalmente sono solo all’inizio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati oltre 600 chilogrammi tra marijuana e hashish, quattro arresti e tre denunce

BrindisiReport è in caricamento