Brindisi: microspie illegali in casa di lavoratori, due arresti

Nella indagine sono coinvolti, anche, due uomini ed una donna, uno residente a Lametia Terme e gli altri a Brindisi

BRINDISI - Sono finiti agli arresti domiciliari per violazione della privacy, Antonio Carrozzo, 58 anni, e Angelo D’Alò, 56 anni, entrambi di Brindisi, già noti alle forze dell’ordine. Il primo condannato in Cassazione per concorso in un duplice omicidio avvenuto nel 1992, quando lo stesso era sovrintendente della polizia in servizio alla Questura di Bari, il secondo condannato per truffa. I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal gip del tribunale di Brindisi, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

La vicenda giudiziaria si snoda tra due regioni, Puglia e Calabria, in particolare nelle città di Brindisi e Lamezia Terme. Tutto ha avuto inizio un anno fa circa, quando un’azienda di Brindisi si rivolge ad un’agenzia investigativa con sede a Lamezia Terme, in Calabria, incaricando la stessa di controllare se rispondesse alla realtà, e quindi giustificata, l’assenza da lavoro di due dipendenti, con permesso della Legge 104, o se questi lavoratori fossero occupati a fare altro.

L’azienda investigativa calabrese ha così subappaltato questa richiesta ad una agenzia di affari brindisina, per la quale collaboravano sia Carrozzo che D’Alò, autorizzata, però, alle cosiddette “indagini elementari”, come pedinamenti, riprese video, foto o sopralluoghi in spazi pubblici. Ma i due arrestati sono andati oltre a queste mansioni, violando il domicilio privato dei due dipendenti utilizzando microspie e, quindi, minando la privacy degli stessi, ovviamente senza essere in possesso delle necessarie autorizzazioni di legge, commettendo, pertanto, un abuso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tutto aggirato dall’intestazione delle fatture all’agenzia di investigazione di Lamezia Terme. L’indagine, condotta, dal personale della Divisione amministrativa e di sicurezza e della Squadra mobile di Brindisi, dirette rispettivamente dal vicequestore Angelo Loconte e dal vicequestore Rita Sverdigliozzi, dopo circa un anno di attività e grazie al sequestro di materiale informatico e fotografico, ha portato all’arresto di Carrozzo e D’Alò, e risultano indagati anche due uomini ed una donna, uno residente a Lametia Terme e gli altri a Brindisi. Carrozzo e D’Alò si trovano agli arresti domiciliari e dovranno difendersi dal reato di violazione della privacy.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento