Brindisi. Motocarro carico di rifiuti intercettato sul litorale: denunciato un inquinatore

Il mezzo è risultato di proprietà di persona già nota e denunciata dai carabinieri forestali per gestione illecita di rifiuti

BRINDISI - Un motocarro carico di rifiuti di ogni genere è stato fermato in località Torre Testa, lungo la litoranea a nord di Brindisi, da parte di una pattuglia del nucleo investigativo (Nipaaf) del gruppo forestale. Trasportava, abusivamente, rottami di ferro, carcasse di lavatrici, plastica, vetro, legno e lamiere. Il mezzo, infatti, non è risultato essere iscritto alla sezione regionale dell’ Albo nazionale dei gestori di rifiuti, requisito indispensabile per poter esercitare l’ attività. Il conducente, M.C. di anni 42, già noto alle forze dell'ordine, è risultato al controllo sprovvisto di patente di guida, perché mai conseguita.

Nucleo Investigativo CC Forestali-3

Ai militari non è stato esibito alcun documento giustificativo del carico e del trasporto, pertanto è stato addebitato anche il reato di gestione illecita di rifiuti. Il motocarro, tra l’ altro, è risultato di proprietà di A.U., già nota e denunciata dai carabinieri forestali per lo stesso reato. In questo caso gli è stata contestata una violazione amministrativa per incauto affidamento del proprio mezzo è stato quindi sottoposto a sequestro penale preventivo. 

Torre Testa è una zona notoriamente martoriata dagli abbandoni di rifiuti, come altre tracciate dal Comune in una specifica mappa, quindi, gli investigatori del gruppo carabinieri forestale di Brindisi, a seguito di ripetuti fermi, ritengono che ci sia una rete, più o meno organizzata, che utilizza mezzi di trasporto per le varie fasi di gestione dei rifiuti, dalla raccolta allo smaltimento, in modo trasparente ed illecito, parallelo a quello legale, con danno per gli operatori riconosciuti e soprattutto per l’ ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il ballerino Alessandro Cavallo entra nella scuola di "Amici" di Maria De Filippi

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Addio a Fabio D'Aprile: lutto nel basket brindisino

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

  • Covid: "Vaccinate anche delle persone che non avevano priorità"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento