menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentato furto di cavi in rame dalla rete ferroviaria: quattro treni bloccati

Tentativo di furto di cavi di rame nella mattinata di oggi, martedì 2 febbraio, sulla linea ferroviaria Brindisi -Taranto, tra Brindisi e Mesagne: il passaggio a livello è rimasto aperto. Disagi per i pendolari. Rete Ferroviaria Italiana ha sporto denuncia contro ignoti

BRINDISI - Tentativo di furto di cavi di rame nella mattinata di oggi, martedì 2 febbraio, sulla linea ferroviaria Brindisi –Taranto, tra Brindisi e Mesagne: il passaggio a livello è rimasto aperto. Disagi per i pendolari. Rete Ferroviaria Italiana ha sporto denuncia contro ignoti.

Secondo quanto riferisce Trenitalia in una nota stampa, poco prima delle sette ignoti hanno tranciato i cavi di alimentazione lungo linea causando la mancata chiusura di un passaggio a livello. Scattato l’allarme, i malviventi si sono dileguati. Coinvolti quattro treni regionali con ritardi medi di mezz’ora. La circolazione è ripresa alle 8, dopo l’intervento dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana che hanno riparato il guasto e ripristinato le normali condizioni di circolazione. “A fronte di un danno materiale di circa duemila euro, comprensivo del lavoro straordinario delle squadre tecniche, notevolmente superiori sono state le conseguenze per i pendolari e per l’immagine del Gruppo Fs. L’asportazione di rame non comporta – nel modo più assoluto – problemi di sicurezza alla circolazione dei treni, ma solo rallentamenti e ritardi. La sottrazione del materiale, infatti, provoca l’attivazione istantanea dei sistemi di sicurezza che governano le tecnologie in uso nella gestione del traffico ferroviario, con arresto immediato dei treni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento