Cronaca

Un unico cavo alimentava quattro case, scoperto furto di elettricità da 300mila euro

Si è conclusa con un arresto di quattro persone per furto di energia elettrica, da 300mila euro, una perquisizione da parte dei carabinieri volta alla ricerca di armi. A finire nei guai i proprietari, incensurati, parenti tra loro, di quattro abitazioni situate all’interno di una masseria che produce formaggi che si trova nelle campagne a nord di Brindisi

BRINDISI – Si è conclusa con un arresto di quattro persone per furto di energia elettrica, da 300mila euro, una perquisizione da parte dei carabinieri volta alla ricerca di armi. A finire nei guai i proprietari, incensurati, parenti tra loro, di quattro abitazioni situate all’interno di una masseria che produce formaggi che si trova nelle campagne a nord di Brindisi.carabinieri enel campagna-2

Il controllo è stato eseguito dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Brindisi diretta dal capitano Luca Morrone nella giornata di ieri, giovedì 21 gennaio. Come già accennato la perquisizione è stata disposta perché si cercavano armi. Alcuni comportamenti dei residenti hanno indotto i militari a eseguire anche un controllo alla rete elettrica. È stato spento il contatore ma le luci e tutti gli elettrodomestici (celle frigorifere comprese) sono rimasti accesi. Così è stato richiesto l’intervento dei tecnici dell’Enel che hanno scoperto un allaccio abusivo alla rete pubblica. Un unico cavo alimentava le abitazioni e la masseria. È stato accertato che il furto ammonta a ben 1.100.000 KW per un importo di 300mila euro, il calcolo si basa su un consumo presunto che prende in considerazione gli ultimi 5 anni. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un unico cavo alimentava quattro case, scoperto furto di elettricità da 300mila euro

BrindisiReport è in caricamento