Cronaca

La pesca nel Cillarese finisce con una denuncia e l'incendio di due auto

Vanno a pescare abusivamente nell'invaso del parco del Cillarese e tornano a casa con una denuncia e con due auto bruciate su cui la polizia sta cercando di fare chiarezza

BRINDISI – Vanno a pescare abusivamente nell’invaso del parco del Cillarese e tornano a casa con una denuncia e con due auto bruciate su cui la polizia sta cercando di fare chiarezza. Protagonisti di questa vicenda sette cittadini di nazionalità rumena. È accaduto in contrada Lo Spada a Brindisi. Le auto che sono andate a fuoco sono un’Audi e una Golf parcheggiate una accanto all’altra durante la “battuta di pesca”. Secondo la versione di uno dei sette stranieri l’incendio sarebbe partito da un corto circuito su una delle due vetture e poi le fiamme si sono propagate sull’altro veicolo. Una versione che non ha convinto i poliziotti della Sezione volanti della questura di Brindisi, al comando del vice questore Alberto D’Alessandro, che hanno voluto fare chiarezza sulla vicenda sequestrando le auto dopo averle sottoposte a tutti i rilievi del caso. Intanto per i sette, come già accennato, è scattata la denuncia per invasione abusiva di area privata. Come è noto nel bacino del Cillarese è vietata la pesca. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pesca nel Cillarese finisce con una denuncia e l'incendio di due auto

BrindisiReport è in caricamento