Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Viale Europa

Brindisino in ospedale con ferite da arma da fuoco alle gambe

Un brindisino di 62 anni (E.C. le iniziali di nome e cognome) è arrivato intorno alle ore 16,30 di oggi (8 agosto) presso il Pronto soccorso dell'ospedale Perrino di Brindisi con ferite da arma da fuoco alle gambe

BRINDISI – Un brindisino di 62 anni, Enrico Colucci, è arrivato intorno alle ore 16,30 di oggi (8 agosto) presso il Pronto soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi con ferite da arma da fuoco alle gambe. L’uomo, già coinvolto in episodi analoghi (nell'ottobre 2013 venne gambizzato mentre si trovava nel suo podere di campagna) è stato colpito agli stinchi da un paio di proiettili di una pistola semiautomatica, forse una 7.65, di cui uno di striscio. Sono stati recuperati sette bossoli.

Le sue condizioni non sono gravi. Ad accompagnarlo in ospedale è stata la moglie, in auto. Il personale sanitario ha segnalato l’accaduto alle forze dell’ordine. I poliziotti si sono recati per i rilievi del caso sul posto in cui, da quanto è appreso, è avvenuto il ferimento: una palazzina di viale Europa, al rione Bozzano, in cui risiede l’uomo. Colucci ai tempi del contrabbando era noto col soprannome di Zio Paperone. Le indagini sono effettuate dagli uomini della Squadra mobile. 

Colucci si trovava all'esterno della sua abitazione, a poche decine di metri dal centro commerciale Md, quando è stato avvicinato da uno o due individui, non si sa ancora se in moto o in auto. L'autore dell'agguato ha puntato la pistola verso le gambe del 62enne e ha azionato almeno sette volte il grilletto. La vittima, sanguinante, ha cercato subito riparo all'interno del suo garage. Poi è stata trasportata in ospedale.

Nessuno dei residenti ha fornito elementi utili ai poliziotti, che stanno lavorando a ritmo serrato per chiarire il movente e la dinamica dei fatti. Le ferite riportate da Colucci sono di lieve entità.

Il brindisino il 21 luglio 2011 era stato condannato a 10 anni nel processo alla banda dei fratelli Brandi, scaturito dall'operazione "Berat". Di recente era stato arrestato in almeno tre circostanze: il 4 luglio del 2014, nel febbraio del 2014 e nel giugno del 2013, sempre per violazione degli obblighi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisino in ospedale con ferite da arma da fuoco alle gambe

BrindisiReport è in caricamento