menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La copertura in legno mentre brucia (ph R.Muscio)

La copertura in legno mentre brucia (ph R.Muscio)

Brucia una casa in costruzione

MESAGNE – Un vasto incendio ha interessato questa mattina la casa in costruzione di Cosimo Morleo, 36enne mesagnese, in via Giulio Cesare nei pressi di via Vecchia Latiano. Gli operai sul tetto dell’abitazione stavano installando la guaina sulla copertura in legno con un cannello a gas, quando per cause ancora da stabilire, l’incendio è divampato. Fiamme altissime in pochissimi minuti. Sul posto gli uomini del 115, che hanno lavorato circa due ore per domare il rogo. Sul posto anche i tecnici del Comune di Mesagne, i vigili urbani e i carabinieri per i rilievi del caso.

MESAGNE - Un vasto incendio ha interessato questa mattina la casa in costruzione di Cosimo Morleo, 36enne mesagnese, in via Giulio Cesare nei pressi di via Vecchia Latiano. Gli operai sul tetto dell'abitazione stavano installando la guaina sulla copertura in legno con un cannello a gas, quando per cause ancora da stabilire, l'incendio è divampato. Fiamme altissime in pochissimi minuti. Sul posto gli uomini del 115, che hanno lavorato circa due ore per domare il rogo. Sul posto anche i tecnici del Comune di Mesagne, i vigili urbani e i carabinieri per i rilievi del caso.

Fortunatamente, il grosso incendio che è divampato stamattina intorno alle ore 11 nella casa dei Morleo in via Giulio Cesare a Mesagne, non ha causato feriti, a differenza dei danni, che da una prima ricostruzione, invece, pare siano pesanti. Sul tetto della casa in costruzione, stamane, stavano lavorando due operai, padre e figlio della ditta Fratelli D'Ambrosio Srl di Modugno, nel Barese, per l'installazione della guaina ardesiata che assicura l'impermeabilizzazione e l'isolamento termico. Questo lavoro viene fatto con un cannello a gas.

Ed è proprio così che l'operaio stava procedendo all'installazione della guaina quando, forse a causa di scorie infuocate cadute sui sottostanti pannelli isolanti in polistirolo, che la struttura in legno ha iniziato a prender fuoco. Pochissimi istanti e le fiamme sull'abitazione sono diventate altissime. I due operai, si sono subito messi in salvo, portandosi al piano terra. Gli stessi hanno immediatamente chiamato i vigili del fuoco e avvertito il proprietario. Un denso fumo nero ha coperto in pochi minuti la zona. Sul posto sono arrivate le squadre dei pompieri di Brindisi con due cisterne ed un'autoscala.

Le fiamme avevano interessato anche il primo piano dell'abitazione ancora in costruzione. I vigili del fuoco sono saliti sui tetti delle case circostanti per poter domare le fiamme con gli idranti. Ci sono volute più di due ore per spegnere completamento l'incendio. I primi rilievi sono stati affidati ai carabinieri della stazione di Mesagne e ai responsabili dell'Ufficio Tecnico del Comune, Marta Caliolo e l'ingegnere Claudio Perrucci. Ora bisognerà stabilire i danni che la struttura ha subito, le responsabilità dell'azienda che operava all'installazione della guaina e se il proprietario era coperto da assicurazione e quando i lavori della costruzione del primo piano, potranno riprendere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sanremo, sul palco dell'Ariston anche una ballerina brindisina

Attualità

L'associazione 72019 lancia "sanvito.online", la web app dei ristoratori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento