Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Brutale assalto in gioielleria: ennesimo arresto per due giovani rapinatori

Nuovi guai per due brindisini che già si trovavano in carcere per rapina. Gaetano Aggiano, 21 anni, e Gianfranco Ugolini, 28 anni, devono rispondere del brutale assalto armato perpetrato la sera del 29 novembre 2013 all'interno di una gioielleria di San Giorgio Jonico (Taranto). I giovani sono stati raggiunti stamani da un'ordinanza di custodia cautelare

BRINDISI – Nuovi guai per due brindisini che già si trovavano in carcere per rapina. Gaetano Aggiano, 21 anni, e Gianfranco Ugolini, 28 anni, devono rispondere del brutale assalto armato perpetrato la sera del 29 novembre 2013 all’interno di una gioielleria di San Giorgio Jonico (Taranto). I giovani sono stati raggiunti stamani da un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del tribunale di Taranto, Pompeo Carriere, al culmine di una serrata attività investigativa condotta dai carabinieri del Norm della compagnia di Martina Franca, sotto la regia del pm Daniela Putignano.

Sulla base di quanto ricostruito dagli inquirenti, Aggiano e Putignano, quella sera del 29 novembre, entrarono in gioielleria spacciandosi per clienti interessati Gianfranco Ugolini-2all’acquisto di un orologio. Nello stesso momento in cui un dipendente mostrò loro il prodotto richiesto, i due, entrambi a volto scoperto, estrassero una pistola. Sotto la minaccia dell’arma, il personale dell’attività commerciale venne legato mani e piedi. I malviventi poi fuggirono con denaro, orologi e gioielli per un  valore complessivo superiore ai 50mila euro (nella foto a destra, Gianfranco Ugolini). 

Sul posto si recò subito una pattuglia di militari della locale stazione. Questi, coadiuvati dai colleghi dei Norm, identificarono dopo alcuni giorni Aggiano. Successivamente, gli investigatori si misero sulle tracce del suo complice. Vennero passati al setaccio decine di fotogrammi. Furono ascoltati numerosi testimoni. Vi fu un confronto continuo con i poliziotti della Squadra mobile di Brindisi, che fornirono elementi decisivi per giungere all’individuazione anche del secondo bandito: Gianfranco Ugolini appunto. 

Una volta completate le tessere del mosaico investigativo, il giudice ha emesso il provvedimento restrittivo a Gaetano Aggiano-2carico dei due indagati. L’atto è stato notificato stamani dai carabinieri di San Giorgio Jonico. 

Sia Aggiano che Ugolini erano già noti alle forze dell’ordine. Il primo si consegnò ai poliziotti lo scorso maggio, dopo aver tentato di eludere un’ordinanza di custodia cautelare per un paio di rapine, di cui una da un milione di euro, messe a segno a Parma insieme ad altri sei rapinatori brindisini.

Gianfranco Ugolini venne invece arrestato in flagranza di reato il 10 aprile del 2013, dopo aver tentato di assaltare l’ufficio postale di Latiano, insieme al fratello maggiore Ugo, di 40 anni (nella foto a sinistra, Gaetano Aggiano).

Ma nelle settimane precedenti, i due, per loro stessa ammissione, rapinarono altri quattro uffici postali di Brindisi, terrorizzando clienti e dipendenti con un taglierino. Lo stesso Gianfranco Ugolini, fra l’altro, nel febbraio del 2014 finì nuovamente in manette per aver rapinato, con la complicità di un altro malfattore, uno studente universitario di Novoli. L’episodio si verificò il 30 gennaio 2014. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brutale assalto in gioielleria: ennesimo arresto per due giovani rapinatori

BrindisiReport è in caricamento