menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stp, bus con catene ma circolazione difficile per il ghiaccio

Ritardi nei collegamenti urbani ed extraurbani negli ultimi giorni. Il direttore Falcone: “Evento eccezionale, abbiamo fatto tutto il possibile”. Motobarca sempre in funzione. E i tassisti soccorrono pedoni che scivolano e anziani in difficoltà: corse gratuite anche per raggiungere l’ospedale

BRINDISI – Le strade ghiacciate a Brindisi e negli altri comuni della provincia hanno rallentato i bus e i pullman della Stp e determinato la cancellazione di alcune corse nonostante tutti i mezzi fossero dotati di catene.

“Abbiamo fatto tutto il possibile per ridurre al minimo i disagi per i passeggeri”, dice il direttore della Società Trasporti Pubblici, Maurizio Falcone, in risposta alle polemiche che nelle ultime ore viaggiano soprattutto sul web. “Si è trattato di una situazione eccezionale a cui le zone del Brindisino non sono abituate. Abbiamo provveduto a verificare che su ogni mezzo ci fossero le catene, ma in alcuni casi non è stato possibile assicurare le corse tenuto conto delle condizioni delle strade, sia quelle interne a Brindisi, che quelle di  collegamento tra i diversi comuni della provincia: la Stp ha scelto di garantire la sicurezza degli utenti, oltre che del personale”, tiene a sottolineare. “Il problema è stato il ghiaccio che resta ancora un pericolo in alcuni tratti stradali, di conseguenza ritardi non possono essere esclusi neppure allo stato attuale”.

Con un po’ di ritardo è arrivato il pullman della Stp destinato al trasporto dei giocatori della squadra di basket del Venezia e con ritardo sono stati accompagnati in aeroporto al termine dell’incontro disputato contro l’Enel Basket al palazzetto Pentassuglia. Regolari, invece, i collegamenti assicurati dalla motobarca, stando a quanto fanno sapere dalla sede della Stp.

Nella due giorni di neve, c’è da registrare il lavoro di soccorso svolto da alcuni tassisti di Brindisi: hanno assicurato passaggi ad anziani in difficoltà nella zona del centro e accompagnato in ospedale alcuni pensionati scivolati sulle basole ghiacciate. Senza chiedere alcun corrispettivo. “E’ stato il nostro piccolo contributo alla città di Brindisi, finita nella morsa del gelo”, dicono. “Nonostante tutto, siamo riusciti a garantire il trasporto dei passeggeri arrivati in aeroporto a Lecce e a Bari, anche con l’aiuto dell’impresa di Armando Traversa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento