Cronaca

Caccia militare sorvola a bassa quota la città: apprensione fra i brindisini

Ha destato grande allarmismo fra i brindisini il rombo di un aereo militare che nella serata di oggi (1 settembre) ha sorvolato a bassa quota il centro abitato L'episodio si è verificato intorno alle ore 21. Numerose persone che passeggiavano lungo i corsi hanno alzato il naso all'insù, provando una certa inquietudine alla vista di un caccia (secondo alcuni armato di missili, ma in realtà forse si trattava di taniche di benzina)

BRINDISI – Ha destato grande allarmismo fra i brindisini il rombo di un aereo militare che nella serata di oggi (1 settembre) ha sorvolato a bassa quota il centro abitato. L’episodio si è verificato intorno alle ore 21. Numerose persone che passeggiavano lungo i corsi hanno alzato il naso all’insù, provando una certa inquietudine alla vista di un caccia (secondo alcuni armato di missili, ma in realtà forse si trattava di taniche di benzina) che sfiorava i tetti dei palazzi.

Alcuni cittadini hanno contattato la redazione di BrindisiReport, chiedendo cosa stesse accadendo. “Quando ho visto il caccia con tutti quei missili – ha riferito un uomo che si trovava in corso Garibaldi insieme alla consorte – ho quasi temuto che ci fosse un attacco in corso”.

Ma fortunatamente non vi è alcuna minaccia per la sicurezza nazionale. Da quanto appreso, il velivolo avvistato da centinaia di brindisini potrebbe essere un Harrier della Marina Militare impegnato in un’esercitazione. Nell’ambito della stessa attività, almeno altri due caccia, nel primo pomeriggio, sono stati notati sul litorale a sud di Brindisi, in particolare fra le località marine di Torre San Gennaro e Campo di Mare.

Uno stormo di Harrier è stanziato presso l’aeroporto militare di Grottaglie (Taranto). Si tratta di aerei a decollo verticale che possono prendere il volo anche da una nave in mare aperto. Una di queste è la portaerei Giuseppe Garibaldi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia militare sorvola a bassa quota la città: apprensione fra i brindisini

BrindisiReport è in caricamento