Attrezzi da scasso in auto: condanna definitiva e arresto

Davide Guido Stranieri, 45 anni, deve espiare la pena di otto mesi di reclusione in carcere: venne fermato dai carabinieri nel 2011

MESAGNE - Condannato in via definitiva per possesso di arnesi da scasso e arrestato per scontare la pena di otto mesi di reclusione: Davide Guido Stranieri, 45 anni, di Mesagne, è stato condotto nel carcere di Brindisi dai carabinieri della stazione di Mesagne, inesecuzione dell'ordine  emesso dalla Procura generale presso la Corte di Appello di Taranto.

Stranieri venne fermato a Grottaglie, in provincia di Taranto, il 29 aprile 2011: nell'abitacolo del veicolo, i militari trovarono una borsa con numerosi attrezzi atti allo scasso, una centralina elettrica con relativi spinotti per autovetture modello Lancia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso di controlli, gli uomini del'Arma hanno denunciato un cittadino albanese 30enne, residente a Copertino, nel Leccese, per violazione degli obblighi inerenti il soggiorno. E' stato fermato a Tuturano e non aveva con sè il permesso di soggiorno. Le verifiche eseguite successivamente hanno accertato che il documento era in corso di validità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Spaventoso scontro fra due auto in Emilia: grave un giovane brindisino

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Quattro nuovi casi in Puglia, uno in provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento