menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cala Materdomini, bando per gestione di due punti ristoro e area verde

Offerte entro il 25 giugno al Comune: canone annuo pari a 9.954,89 euro, durata quattro anni

BRINDISI –  L’acceso alla spiaggia di Cala Materdomini resta libero: il Comune pensa a due punti ristoro e un’area verde con ombrelloni e giochi per bimbi da cedere in gestione per quattro anni, a fronte di un canone pari a 9.954 euro e 89 centesimi.

materdomini_progetto-2

Pubblicato il bando

Il bando è stato pubblicato nella giornata di ieri, 6 giugno 2018. Per la presentazione delle offerte c’è tempo sino al prossimo 25 giugno, entro le 13. Due giorni dopo saranno aperte le buste dalla commissione nominata con provvedimento del segretario generale. L’aggiudicazione avverrà in favore di chi presenterà l’offerta economica più alta. Sul gestore graverà l’onere della “pulizia giornaliera dell’arenile, delle docce, dei servizi igienici (previsti nelle vicinanze dei chioschi) e delle zone di transito e sosta degli utenti”, nonché della guardiania per tutta la durata della concessione. Il canone – precisano da Palazzo di città – è suscettibile di aggiornamento annuo come da tabelle ministeriali, sulla base degli indici determinati dall’Istat per i prezzi al consumo per le famiglie di impiegati e operai per i corrispondenti valori di mercato all’ingrosso.

 L'area demaniale

“Il compendio si estende su di un’area di 7.304 metri quadrati, per il 43 per cento si tratta di zona demaniale”. Zona che al Comune di Brindisi è pervenuta per effetto del trasferimento da Demanio dello Stato con decreto dell’11 giugno 2014. La parte restante, pari al 57 per cento, coincide con quella di demanio marittimo delegato all’Amministrazione cittadina.

L’Ente, stando a quanto si legge nel bando, chiede “a garanzia del versamento del canone annuo offerto in sede di gara, nonché degli obblighi previsti dal capitolato, una idonea polizza fideiussoria contratta in favore del Comune”. L’importo è pari a due annualità del canone e dovrà essere prestato al momento della stipula del contratto. La mancata presentazione è causa di decadenza dall’aggiudicazione.

Prima della scadenza del termine, i concorrenti possono visionare l’area e chiedere documentazione, previo accordo con il responsabile unico del procedimento, Giuseppe Casuccio o con il direttore dei lavori, Ugo Zongolo.

cala materdomini chiosco-2

I lavori di riqualificazione

Procedono, intanto, i lavori di riqualificazione della spiaggia degli ex ufficiali, seguendo il progetto presentato dalla società Carparelli. Sono previsti oltre, all’“un angolo ristoro e a una caffetteria, la ri-proposizione della storica zattera, tanto cara nella memoria dei brindisini, che verrà posizionata al margine di un pontile galleggiante”. Le previsioni sul fronte della capacità di accoglienza, portano a sostenere che Cala Materdomini “potrà ospitare circa mille persone”.

“Quale miglioria al progetto a base di gara”, è stata inserita la realizzazione di un camminamento pedonale con verde di bordura sino al porticciolo turistico, in modo tale da favorire l’uso della spiaggia da parte dei diportisti e migliorare la fruibilità turistica dell’area”. Per raggiungere questo risultato verranno rimossi tutti i manufatti cementizi.

L'erosione e il verde

Quanto all’eliminazione e alla mitigazione della pericolosità geomorfologica saranno eseguite “opere di ingegneria naturalistica di sistemazione della scarpata”. L’erosione costiera sarà “mitigata grazie alla realizzazione di un pennello permeabile costituito da blocchi di roccia, tale anche da garantire nel tempo l’opera di ripascimento prevista”.

cala materdomini 3-4-2-2

Il progetto del verde è “curato da ricercatori dell’Unisalento, si rifà alle essenze tipiche locali, con particolare riferimento all’ambito costiero”, è stato precisato. “Sono previsti solarium erbosi ed aree sabbiose, con pavimentazioni e camminamenti in listoni di legno composito, nonché sistemi e tecnologie a basso impatto ambientale, quali illuminazione alimentata da fonti rinnovabili e sistemi per il recupero delle acque delle docce ai fini irrigui”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento