menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caldaia della scuola rotta, lezioni al freddo: genitori non fanno entrare i figli

Caldaia che funziona a ore alterne, aule calde, poi fredde, poi calde. Promesse non mantenute e studenti, piccoli studenti, che devono fare lezioni battendo i denti e rischiando di ammalarsi. Oppure coperti con giubbotti, cappelli e sciarpe

SAN PIETRO VERNOTICO – Caldaia che funziona a ore alterne, aule calde, poi fredde, poi calde. Promesse non mantenute e studenti, piccoli studenti, che devono fare lezioni battendo i denti e rischiando di ammalarsi. Oppure coperti con giubbotti, cappelli e sciarpe. Tutto perché la manutenzione dell’impianto di riscaldamento non è stata eseguita per tempo, cioè prima dell’arrivo delle basse temperature.

Accade nella scuola De Gasperi di San Pietro Vernotico che ospita classi delle “materne” e delle “elementari” dove nella mattinata di oggi, venerdì 2 dicembre, la maggior parte dei genitori non ha fatto entrare i figli nell’edificio perché per l’ennesima volta la caldaia non funzionava e le aule erano fredde.

La protesta di mamme e papà arrabbiati, anche per il tempo sottratto al lavoro e ad altri impegni per un problema che non dovrebbe esistere in una scuola, ha fatto giungere sul posto, la dirigente scolastica Loreta Chirizzi, il responsabile dell’ufficio tecnico e l’assessore alla Pubblica istruzione e al Bilancio, Maria Lucia Argentieri.

protesta de gasperi-2

“Ci dicono che c’è un pezzo che non funziona e che va sostituito e che lo sostituiranno a breve – spiega una mamma – ma questa è una storia che va avanti da giorni e che non trova soluzione. Intanto i nostri figli fanno lezione al freddo rischiando malanni. La dirigente ha assicurato ai genitori che la caldaia sarà riparata nel giro di pochi giorni e che se lunedì ci saranno gli stessi problemi martedì la scuola verrà chiusa.

 “Ci hanno detto che lunedì verranno personalmente a controllare e se non funziona o funziona a intermittenza chiuderanno la scuola. Ieri è entrato fumo nelle aule, i nostri figli non sono al sicuro, si tratta di interventi che avrebbero dovuto fare prima e non adesso con queste temperature così basse”. Intanto i genitori che si oppongono a questo disservizio hanno riportato i figli a casa anche se in mattinata poi la caldaia ha funzionato. Ma come sarebbe successo nei giorni scorsi potrebbe spegnersi improvvisamente nell'arco della giornata. 

protesta de gasperi1-2

L’assessore alla Pubblica istruzione e bilancio, Maria Lucia Argentieri che da mesi sta monitorando lo stato in cui versano le scuole sampietrane anche con continui sopralluoghi sul posto ha assicurato che i soldi per questi interventi sono stati previsti nella variazione di bilancio. Non sarebbe quindi un problema legato alla mancanza di fondi ma forse di cattiva gestione delle risorse pubbliche. La manutenzione nelle scuole (affidata a un altro assessore) dovrebbe essere fatta prima dell’inizio dell’anno scolastico.

“I giorni scorsi in consiglio comunale è stata approvata la variazione di bilancio che prevede la destinazione di alcune somme di denaro per interventi straordinari e necessari presso gli istituti scolastici. Mi rendo conto che si tratta di interventi che dovevano essere fatti per tempo ma non sono di mia competenza, per quello che mi riguarda ho fatto tutto quello che è in mio potere, la situazione si dovrebbe sbloccare nel giro di pochi giorni. Sono dalla parte dei genitori, hanno ragione a essere arrabbiati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento