Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Calo della popolazione brindisina ma aumentano gli immigrati

BRINDISI – Carte di soggiorno raddoppiate nella provincia di Brindisi per il 2008:consegnate dalla questura di Brindisi, erano 211 i permessi del 2007 che sono diventati 489 nel 2008. Il 31% degli stranieri, 973 a fronte dei 3.066 totali che invece hanno ottenuto il permesso di soggiorno, provengono dall’Albania e raggiungono Brindisi e provincia per lavorare nei settori dell’edilizia e dell’agricoltura. Sono invece Fasano ed Ostuni i comuni che contano il maggior numero di presenze straniere.

BRINDISI - Carte di soggiorno raddoppiate nella provincia di Brindisi per il 2008: consegnati dalla questura di Brindisi, erano 211 i permessi del 2007 che sono diventati 489 nel 2008. Il 31% degli stranieri, 973 a fronte dei 3.066 totali che invece hanno ottenuto il permesso di soggiorno, provengono dall'Albania e raggiungono Brindisi e provincia per lavorare nei settori dell'edilizia e dell'agricoltura. Sono invece Fasano ed Ostuni i comuni che contano il maggior numero di presenze straniere.

Tra il 2007 e il 2008, mentre i permessi di soggiorno rilasciati sono aumentati del 32%, passando da 2.309 a 3.066, le carte di soggiorno, che si ottengono solo dopo 6 anni di permanenza in Italia, hanno fatto registrare un aumento del 131%. Dopo l'Albania, sono Marocco (242) e Romania (168) i paesi di provenienza degli stranieri più presenti nel brindisino.

Sono alcuni dei dati che emergono dallo studio congiunto di Istat, Comune, Provincia, Camera di commercio e Prefettura di Brindisi raccolti nel primo annuario Analisi statistica territoriale. Un progetto a cui hanno lavorato gli enti per creare uno strumento valido ed oggettivo che permetta anche di analizzare le caratteristiche del territorio provinciale, mettendole a disposizione di eventuali investitori.

"L'annuario servirà anche ad evitare interpretazioni sbagliate di dati parziali - precisa il sindaco Domenico Mennitti, con riferimento alla polemica scaturita dalla pubblicazione dei dati Eurispes che per il 2008 individuavano Brindisi al quarto posto tra le città del sud in base all'indice di penetrazione mafiosa - e sarà anche uno strumento utile per le amministrazioni per conoscere l'evoluzione del territorio".

La provincia comunque, nonostante l'incremento della presenza degli immigrati, fa registrare un leggerissimo decremento della popolazione: da 402.985 nel 2007, si è passati a 402.891 nel 2008, con il numero di donne che è aumentato mentre quello degli uomini, che resta sempre inferiore di almeno 15 mila, è ulteriormente diminuito.

Nel 2008 però, tra i venti comuni della provincia, Brindisi, Carovigno, Erchie, Fasano, Francavilla Fontana, San Donaci Torchiarolo, Torre Santa Susanna e Villa Castelli hanno un saldo positivo tra i tassi di natalità e mortalità ed il comune a far registrare il calo demografico più consistente è Cisternino. L'età media della popolazione è di 42 anni, superiore quindi a quella regionale. Infine un dato negativo evidenzia che è diminuito il tasso di occupazione maschile, che dal 68,9% è diventato del 67,5%, mentre è aumentato quello femminile dal 35,4% al 37,9% nel 2008.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calo della popolazione brindisina ma aumentano gli immigrati

BrindisiReport è in caricamento