menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camera di commercio, i giudici accolgono sospensiva

L'onorevole D'Attis: "Riforma degli enti necessaria dopo il pastrocchio"

BRINDISI - I giudici amministrativi hanno accolto la richiesta di sospensiva presentata dagli avvocati della Camera di Commercio di Brindisi, dopo i provvedimenti sull'accorpamento con quella di Taranto. "E' necessario un riordino, dopo il patrocchio evidenziato dalle sezione del Tar e del Consiglio di Stato", sostiene il parlamentare di Brindisi, Mauro D'Attis.

Mauro D'AttisSecondo il  deputato di Forza Italia, i giudici hanno evidenziato i "limiti di una riforma che il governo Renzi impropriamente definì ‘riordino’, ma che in effetti è servita solo ad ingarbugliare ancor di più settori importanti della pubblica amministrazione”.

“L’intenzione era quella di risparmiare denaro pubblico – aggiunge  D’Attis – ma l’unico risultato ottenuto dai governi di centro sinistra è stato quello di demolire pezzi di Stato che svolgevano funzioni importanti per abbandonarli nel guado dell’indecisione normativa. Il Governo attuale, pertanto, farebbe bene ad azzerare tutto ed a ripensare una riforma seria ed attuabile del sistema camerale, tutelando competenze, funzionalità territoriali e necessità del mondo delle imprese. In questo percorso, se attuato, noi siamo pronti a svolgere un ruolo propositivo e nell’interesse generale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento