Cane impiccato e poi abbandonato sul bordo della strada

L'atroce scoperta fatta venerdì mattina nelle campagne tra Cellino San Marco e San Pietro Vernotico

CELLINO SAN MARCO – Un’altra conferma della crudeltà umana nei confronti degli animali è arrivata ieri, venerdì 12 aprile, dalle campagne tra Cellino San Marco e San Pietro Vernotico, lungo una strada comunale frequentata anche da chi fa jogging. È stata proprio una donna che stava seguendo quel percorso a individuare i resti di un cane meticcio, probabilmente un randagio, morto per soffocamento e con ancora un laccio stretto attorno alla gola, un capestro improvvisato fatto con tratti di sacchetti di plastica.

cane strangolato cellino san marco 2-2

Non ci sono dubbi che la povera bestia sia stata impiccata, e che poi il suo corpo sia stato abbandonato sul bordo della strada in un secondo momento, probabilmente nelle 24 ore precedenti la scoperta. Questo ha potuto constatare sul posto un veterinario di San Pietro Vernotico chiamato poi da alcune persone appartenenti ad un gruppo ambientalista, che stavano effettuando la raccolta volontaria delle plastiche abbandonate lungo la strada rurale.

cane strangolato cellino san marco-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del caso, dopo aver accertato che il sito del ritrovamento ricade nell’agro di Cellino San Marco, è stata interessata la polizia locale competente anche per le procedure di rimozione dei resti del povero randagio impiccato da sconosciuti. Inutile aggiungere che non ci sono elementi, anche stavolta – come nei precedenti del cane arso vivo a San Pietro Vernotico e di quello ucciso da una fucilata a Carovigno – per agire legalmente nei confronti di alcuno. L’indignazione è sempre tanta, ma anche chi sa, spesso, non è disposto a testimoniare e a collaborare con le forze dell’ordine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Temporale sulla città: strade allagate e case senza energia elettrica

  • Covid: nuovo picco di casi in Puglia. Nel Brindisino altri due contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento