Cronaca

Cantiere abusivo e rifiuti: scempio nel parco delle Dune costiere

Gli eredi comproprietari di un terreno agricolo denunciati a seguito di un controllo di forestali e Polizia locale

OSTUNI – Un vero e proprio cantiere abusivo era stato allestito nel parco regionale delle Dune Costiere, sul litorale di Ostuni. Gli eredi comproprietari del terreno sono stati denunciati dai carabinieri forestali della stazione della Città Bianca, a seguito di un sopralluogo effettuato insieme alla Polizia Locale di Ostuni. Le forze dell’ordine avevano infatti individuato i segni di un’attività di scavo in terreni agricoli in contrada Difesa di Malta.

Nel corso di un approfondito controllo, Forestali e Polizia locale hanno scoperto un accatastamento dei materiali da utilizzare per una nuova costruzione: mattoni forati, blocchetti di cemento, travi in legno e sabbia per calcestruzzo. Come se non bastasse, sugli stessi terreni è stato riscontrato un deposito incontrollato di rifiuti, per lo più provenienti da scarti di lavorazioni edili. 

Gli investigatori hanno accertato che per il cantiere non era stata presentata alcuna istanza di permesso, e quindi hanno sottoposto a sequestro penale preventivo tutta l’area occupata dallo stesso, nonché dai cumuli di rifiuti, per una superficie complessiva di circa 8.300 metri quadri. Ai proprietari sono stati contestati i reati di intervento edilizio in assenza del prescritto permesso di costruire, in area sottoposta a tutela. Gli stessi devono inoltre rispondere di gestione illecita di rifiuti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantiere abusivo e rifiuti: scempio nel parco delle Dune costiere

BrindisiReport è in caricamento