Cantiere abusivo in terreno agricolo: denuncia e sequestro

Operazione dei carabinieri Forestali nella zona periferica del quartiere Sant’Elia del capoluogo, nota come “Contrada Muscia”

BRINDISI - I carabinieri Forestali della Nucleo Investigativo (Nipaaf) del Gruppo di Brindisi hanno scoperto un cantiere edile, risultato del tutto abusivo, nella zona periferica del quartiere Sant’Elia del capoluogo, nota come “Contrada Muscia”. Il proprietario del terreno, nonché titolare del cantiere abusivo, F.R. di anni 36, è stato denunciato per realizzazione di intervento edilizio in assenza del prescritto permesso di costruire. Per questo reato è prevista la pena dell’arresto fino a 2 anni con un’ammenda da 5.100 a 51.000 euro.

Sequestro cantiere BR Sant'Elia3-2

I militari hanno notato che all’ interno di un terreno vi erano lavori in corso. Identificato il proprietario, nonché committente del cantiere, hanno accertato che lo stesso non aveva alcun titolo per procedere all’edificazione sul suolo.

Così hanno proceduto a sottoporre a sequestro penale preventivo la porzione di particella catastale interessata dai lavori, della superficie di 500 metri quadri. All’ interno di questa, su un’ area di m 13x13, era stato effettuato uno sbancamento con preparazione per il getto di un solaio in calcestruzzo, sostenuto da travetti e pignatte in laterizi.

Lungo il perimetro, invece, era stato innalzato un muro in mattoni di cemento vibro compresso alto due metri, con un unico accesso chiuso da un cancello in metallo zincato.

Sequestro cantiere BR Sant'Elia2-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si tratta dell’ennesimo episodio di abuso edilizio di una lunga serie, nella stessa zona, dove cantieri nascono come funghi e si sviluppano rapidamente, su terreni classificati come agricoli dal Piano Regolatore Generale, in cui i proprietari provvedono dapprima ad innalzare murature di recinzione perimetrali, per poi procedere rapidamente agli scavi per fondazioni, pavimentazioni, pilastri, eccetera, fino a completarli con gli allacciamenti idrici ed elettrici”. Scrivono i forestali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento