menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pistola nascosta nel pozzo nero: un 33enne finisce in carcere

Un arresto per resistenza a Brindisi, uno a Mesagne per evasione e due denunce a Torre per furto di olive

Cisternino: una pistola nel pozzo nero, arrestato

I carabinieri di Cisternino assieme a quelli del Nucleo Cinofili di Modugno, a conclusione di accertamenti, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, Leonardo Ruggieri di 33 anni, di Locorotondo, per detenzione illegale di arma da fuoco clandestina. Nel corso di una perquisizione mirata, i militari hanno trovato nel pozzo nero dell’abitazione di Ruggieri una pistola semiautomatica Zastava modello 70 del calibro 7,65, di fabbricazione iugoslava, con matricolo abrasa. L’arma aveva tre cartucce nel caricatore. Leonardo Ruggieri, su decisione del pm competente, è stato trasferito al carcere di Bari.

Brindisi: mette le mani addosso a un carabiniere, ammanettato

I carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Brindisi hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 42enne del luogo per resistenza a pubblico ufficiale. Nella mattinata di martedì 5 novembre, l’uomo, alla guida della propria vettura, veniva fermato in strada Scuole Pie da un equipaggio dell’Arma, ma reagiva all’attività di identificazione e di perquisizione personale opponendo resistenza e spintonando un sottufficiale. L’automobilista veniva infine bloccato dall’altro carabiniere della pattuglia. Ammanettato, su decisione del magistrato di turno in procura è stato posto agli arresti domiciliari.

Mesagne: lascia i domiciliari per portare fuori il cane

I carabinieri della stazione di Mesagne hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 44enne del luogo già detenuto ai domiciliari. Nel corso della mattinata di martedì l’uomo è stato sorpreso a piedi dai militari in servizio di controllo, mentre era a passeggio col proprio cane in via Antonello Florenzio, distante dall’abitazione e senza alcuna autorizzazione.

Torre Santa Susanna: fuggono con le olive rubate

Sono stati subito identificati e denunciati a piede libero per trascorsa flagranza due persone di 54 e 29 anni di Torre Santa Susanna, colti in flagranza di furto dal proprietario di un uliveto di Contrada Pacchiano, in agro di Mesagne. In quel momento i due soggetti avevano già caricato a bordo dell’auto di loro proprietà circa quattro quintali di olive. Sulla base dei dati forniti dalla vittima del furto, i carabinieri di Torre Santa Susanna hanno deferito entrambi per concorso in furto aggravato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento