menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aviosuperfice abusiva in allestimento: denunciato un brindisino

Un 71enne stava realizzando un hangar tra gli uliveti in agro di Torchiarolo, senza alcuna autorizzazione. La scoperta è stata fatta dai carabinieri forestali. Sottoposta a sequestro una struttura metallica

TORCHIAROLO - I carabinieri forestali della stazione di Brindisi hanno scoperto, tra gli uliveti in agro di Torchiarolo, un’avio-superficie in fase avanzata di allestimento. Non avendo individuato cartelli di cantiere lungo il perimetro, hanno rintracciato il proprietario del fondo agricolo su cui si stava realizzando l’opera, su iniziativa dello stesso titolare, il 71enne A.O., residente a Brindisi.

L’uomo, che non ha esibito alcun documento abilitativo per la costruzione della struttura, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Brindisi per realizzazione di intervento edilizio in assenza del prescritto titolo.

Tutto il fabbricato, da destinare ad “hangar”, è stato sottoposto a sequestro preventivo di iniziativa, per evitare che i lavori potessero proseguire. Sono stati pertanto apposti i sigilli ad una costruzione metallica poggiante su sei pilastri, alta 3,60 metri su una superficie di 162 metri quadri, oltre a pannelli coibentati, rotoli di rete metallica da utilizzare per la recinzione, tondini di acciaio e profilati in alluminio.
Tutte le opere ed i materiali sequestrati sarebbero stati utilizzati a servizio di una striscia di terreno, già delimitata, da adibire presumibilmente a pista per aeromobili leggeri o ultraleggeri.

Non è questo il primo caso del genere nel territorio brindisino: sei mesi fa i militari della stazione forestale di Ostuni avevano sottoposto a sequestro un’avio-superficie abusivamente realizzata fra la Città Bianca e Fasano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento