menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cantiere abusivo a pochi passi da canale Patri: sequestro e denunce

Lavori in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico. Nei guai il committente e quattro operai

BRINDISI - Un piccolo cantiere edile senza alcun titolo autorizzativo è stato scoperto dai carabinieri forestali di Brindisi a pochi metri dall’argine di canale Patri, nell’agro di Brindisi.  Al momento dell’intervento dei militari erano in fase di realizzazione una platea in calcestruzzo cementizio di m 6x3, un piazzale di 144 metri quadri in materiale stabilizzato di cava, due trincee per circa 38 metri di lunghezza e 0,40 di profondità, per la posa in opera di tubazioni, ed un’altra area di scavo di 36 metri quadri, il tutto al servizio di un preesistente immobile, in un’area parzialmente recintata.

I carabinieri hanno accertato che per i suddetti lavori non era stato rilasciato alcun titolo edilizio, considerando anche che l’area in questione, ricadendo nella fascia di rispetto di un corso d’acqua pubblico, è sottoposta a vincolo paesaggistico (oltre che idrogeologico). Pertanto hanno provveduto a sottoporre a sequestro preventivo tutta l’area di cantiere, nonché i mezzi d’opera (una betoniera, un gruppo elettrogeno ed attrezzi vari). Il committente dei lavori, che non risulta essere proprietario dell’ immobile, I.E. di anni 35, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Brindisi, in concorso con i 3 operai trovati sul posto, per intervento edilizio in assenza del prescritto permesso di costruire in area vincolata, ai sensi dell’ articolo 44, comma 1, lett. c) del decreto del presidente della Repubblica n. 380 del 2001 (“Testo Unico dell’ Edilizia e dell’ Urbanistica) e dell’articolo 181, comma 1, del Decreto legislativo n. 42 del 2004 (“Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio”).

Da giorni i Forestali stanno setacciando tutte le aree ad alto rischio idraulico ed idrogeologico, secondo il Piano per l’assetto Idrogeologico (Pai) della Regione Puglia, al fine di individuare opere o situazioni che possano rappresentare pericolo per la sicurezza e l’ incolumità pubblica. Queste potenziali situazioni di pericolo possono essere rappresentate da costruzioni abusive, accumuli di rifiuti, ostruzioni di corsi d’ acqua per mancanza di manutenzione. Pur in una provincia povera di acque correnti superficiali come quella brindisina, gli eventi meteorici, che negli anni stanno assumendo sempre più di frequente caratteristiche di elevata intensità, possono mettere in crisi le capacità di deflusso, per l’appunto spesso compromesse da attività umane, provocando danni ingenti alle stesse, quando non addirittura vittime. Si ricorda l’alluvione che ha colpito la città di Brindisi nel novembre 2005 e, in tempi più recenti, quella che ha investito Fasano e le sue frazioni nel settembre 2020, quando colate di fango, lungo le “lame” carsiche, si sono riversate nelle aree a valle del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento