Cronaca

Chiodi a tre punte sull'asfalto: inseguimento mozzafiato sulla provinciale

I carabinieri intercettano una banda a bordo di un'Audi Rs6 in procinto di rubate un'auto. I ladri partono a razzo

SAN PANCRAZIO SALENTINO - Hanno lanciato chiodi a tre punte sull’asfalto, vecchio ma efficace sistema più volte utilizzato in passato dai contrabbandieri, per seminare i carabinieri. Una banda è stata intercettata la scorsa notte (mercoledì 16 dicembre), nel centro di San Pancrazio Salentino, mentre tentava di rubare un’auto in sosta. I ladri si trovavano a bordo di una potente Audi Rs6 da 600 cavalli di colore nero. Una pattuglia della stazione di San Pancrazio Salentino, durante un servizio di perlustrazione, ha notato l’auto nei pressi di una Fiat 500 parcheggiata lungo la strada.

Insospettiti, i carabinieri hanno deciso di procedere con un controllo. Ma mentre l’equipaggio si avvicinava, un individuo si è precipitato a bordo dell’Audi. A quel punto il mezzo è ripartito a folle velocità. I carabinieri sono riusciti a tallonare la banda per più di quattro chilometri, sulla strada provinciale 74, che collega Mesagne a Torre Santa Susanna. L’inseguimento ha avuto termine quando i fuggitivi hanno disseminato l’asfalto di chiodo, mettendo fuori gioco le forze dell’ordine. Se non fosse stato per il loro intervento, ad ogni modo, il proprietario della Fiat stamattina, al suo risveglio, non avrebbe ritrovato la sua macchina. I ladri, infatti, erano sul punto di impossessarsene. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiodi a tre punte sull'asfalto: inseguimento mozzafiato sulla provinciale

BrindisiReport è in caricamento