menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un'altra carcassa di Caretta caretta sulla spiaggia di Punta Penne

Le foto di un lettore. Molto difficile stabilire le cause della morte della tartaruga

BRINDISI - La carcassa di una Caretta caretta è stata spinta nei giorni scorsi dalle mareggiate sulla spiaggia nei pressi degli stabilimenti balneari di Punta Penne, poco a nord di Brindisi. I resti della tartaruga marina, come dimostrano le foto inviateci da un lettore, cono i pessime condizioni ed è difficile stabilire le cause della morte.

La carcassa di una Caretta caretta al Granchio Rosso 2-2-2

Solitamente, le Caretta caretta restano vittime dell'urto contro imbarcazioni, o restano impigliate nelle reti o vittime degli ami dei palamiti, che le tengono sott'acqua sino all'annegamento. Ci sono purtroppo anche numerosi casi di soffocamento, o di ostruzione gastrica, causati dall'ingestione di sacchetti di plastica scambiati per meduse (uno degli alimenti delle tartarughe marine).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento